direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il segretario generale Sequi all’incontro internazionale “Il grido della pace. Religioni e culture in dialogo” organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio

FARNESINA

“L’Italia crede fermamente nel dialogo e nella necessità di trovare nella cooperazione multilaterale le soluzioni alle sfide più pressanti”

 

ROMA – Il segretario generale della Farnesina, ambasciatore Ettore Francesco Sequi, ha partecipato oggi all’incontro internazionale “Il grido della pace. Religioni e culture in dialogo”, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio. Il titolo dell’evento, cui ha partecipato il Presidente della Repubblica e i rappresentanti delle grandi religioni mondiali, rimanda alla difficoltà di far valere le ragioni della pace in un contesto internazionale sempre più teso e polarizzato.

“L’Italia crede fermamente nel dialogo e nella necessità di trovare nella cooperazione multilaterale le soluzioni alle sfide più pressanti. La dimensione della sicurezza umana ha acquisito sempre maggiore rilievo nella politica estera dell’Italia, con un approccio incentrato su tre ambiti concreti: sicurezza alimentare, salute globale e collaborazione con le organizzazioni della società civile nell’attività umanitaria e di cooperazione allo sviluppo.” Così il segretario generale ha riassunto le maggiori direttrici dell’attività della Farnesina. La promozione del dialogo interculturale e interreligioso è parte integrante dell’impegno della Farnesina per la protezione e promozione dei diritti umani e delle libertà fondamentali, ha aggiunto l’ambasciatore  Sequi intervenendo all’interno del Panel “No One Is Saved Alone: Dialogue And Multilateralism In A Divided World”. La Comunità di Sant’Egidio è – si sottolinea dalla Farnesina – un importante interlocutore del Maeci nel quadro della campagna internazionale per la moratoria universale della pena di morte, per le attività di mediazione in diversi contesti di crisi, i programmi di cooperazione allo sviluppo e la gestione di corridoi umanitari. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform