direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Rotary Club di Belluno investe sugli operatori socio sanitari

ASSOCIAZIONI

Figure indispensabili per i bisogni del territorio bellunese

BELLUNO – Dopo specifici approfondimenti e incontri con i vertici istituzionali della Regione Veneto, della locale azienda sanitaria e delle agenzie formative che operano in provincia, il Rotary Club di Belluno ha formalizzato il proprio impegno nel promuovere corsi di formazione per gli operatori socio-sanitari (Oss), organizzati dalla Regione, e sostenere le persone che sono orientate a frequentarli.

Il Club bellunese metterà a disposizione delle agenzie formative i propri professionisti, che svolgeranno gratuitamente le funzioni di docenti, e 35 borse di studio – del valore di almeno 500 euro ciascuna – per gli allievi che porteranno a termine il percorso formativo.

Il valore delle borse potrà aumentare nel caso ci fossero situazioni che richiedono un particolare sostegno e non rientrano nelle categorie previste dalla Regione per la riduzione dei costi.

Le scelte e i criteri per l’assegnazione delle borse di studio saranno effettuati con le istituzioni – in particolare i Comuni – e con le agenzie formative che raccoglieranno ed esamineranno le domande.

Il service, ideato dal Club di Belluno, prevede anche altre azioni di sostegno ai servizi socio-sanitari e sanitari, per arricchire il panorama dell’offerta di figure indispensabili, che saranno messe in atto dopo aver valutato gli effetti di questo primo importante intervento.

Per promuovere l’iniziativa Paolo Alpago Novello, studente di Studio Design alla Libera Università di Bolzano, ha realizzato un logo che rappresenta la figura dell’operatore socio sanitario, quasi un angelo, che racchiude la persona fragile offrendole sicurezza e calore.

Il Rotary di Belluno si è sempre distinto per lo spessore dei service a favore delle comunità siano esse africane, indiane o bellunesi, anche sparse in altri continenti.

Negli ultimi anni ha posto particolare attenzione ai bisogni del territorio rilevando oggi come al malessere demografico della provincia di Belluno, che spesso è stato oggetto di attenzione e azioni da parte del Club, si accompagni la necessità di contrastare l’ormai strutturale carenza di operatori socio sanitari, peraltro aggravatasi con la  fase epidemiologica. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform