direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il responsabile del Dipartimento Italiani nel mondo del Pd Luciano Vecchi sul decreto “Cura Italia”

PARTITI

“Soddisfazione per le prime misure a favore degli italiani all’estero”

ROMA – Il responsabile del Dipartimento Italiani nel mondo del Partito democratico, Luciano Vecchi segnala in una nota alcune proposte per il sostegno dei connazionali che vivono e lavorano al’estero accolte dalla Commissione Bilancio del Senato nell’ambito dell’esame del decreto “Cura Italia”.

Tali proposte, formulate dai senatori Alessandro Alfieri e Francesco Giacobbe (Pd, ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide), di concerto con lo stesso Dipartimento del Pd, e da altri esponenti della maggioranza di Governo, riguardano in particolare – segnala Vecchi – “uno stanziamento aggiuntivo di 4 milioni di euro per l’assistenza ai cittadini all’estero in condizioni di indigenza o di necessità, e di un milione per la tutela della sicurezza dei cittadini presenti all’estero in condizioni di emergenza”.

“È stato poi approvato un Ordine del Giorno del Partito Democratico con cui si chiede al Governo di riconoscere ai lavoratori italiani frontalieri, laddove non siano già tutelati dal paese in cui lavorano, l’accesso all’indennità di malattia, agli ammortizzatori sociali e ai congedi parentali, alle stesse condizioni riconosciute ai lavoratori impiegati nel territorio nazionale – aggiunge il responsabile del Pd, sottolineando “un primo ma significativo insieme di interventi che devono cercare di tutelare al meglio i nostri connazionali in questa difficile fase storica”.

“Stiamo lavorando – ha concluso Vecchi – con l’insieme delle Rappresentanze degli italiani nel Mondo affinché, anche con i prossimi provvedimenti legislativi, si cerchi di dare risposte concrete a coloro che sono in difficoltà e si valorizzino nel contempo le nostre comunità all’estero nell’opera di promozione del nostro Paese e della sua economia”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform