direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il presidente Mattarella in visita di Stato a Berlino

ITALIA –GERMANIA

Accompagnato dal ministro degli Esteri Moavero Milanesi

 

Colloqui con il presidente Steinmeier: “Germania e Italia hanno un rapporto bilaterale eccellente, ma hanno anche una responsabilità particolare come Paesi fondatori dell’Unione Europea”. “La forza dell’Unione Europea è rappresentata dai giovani, è cresciuta una generazione di giovani che si sentono europei. A Berlino giungono sempre più giovani italiani. Questo scambio di esperienze, di vita, di collaborazione tra i giovani dei nostri Paesi è la vera garanzia dell’Unione”

L’incontro con la comunità italiana all’Ambasciata: “Il rapporto tra Italia e Germania è assicurato in massima misura dalla vostra presenza”

BERLINO – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella oggi in visita ufficiale in Germania, accompagnato dal ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, presso l’Ambasciata d’Italia a Berlino guidata dall’ambasciatore Luigi Mattiolo  ha incontrato il personale della sede diplomatica  e i rappresentanti della comunità italiana, presidenti Comites, consiglieri Cgie.Presenti anche la senatrice Laura Garavini e la deputata Angela Schirò, entrambe elette nella ripartizione Europa della circoscrizione Estero e residenti in Germania, esponenti del mondo universitario, della cultura , dell’impresa  . Nel suo saluto alla collettività il presidente Mattarella ha detto che “l’amicizia tra l’Italia e la Germania è molto grande” . Il rapporto tra i due Paesi “è assicurato in massima misura dalla vostra presenza” ha rimarcato Mattarella rivolgendosi ai connazionali . “Non c’è settore della vita sociale e civile che non veda qui presenza italiana”, ha aggiunto il presidente evidenziando come ciò  attesti “il legame storico, profondo ed intenso” tra due Paesi.

Prima dell’incontro con la comunità italiana in Ambasciata il presidente Mattarella ha deposto una corona al Memoriale per gli Ebrei assassinati d’Europa e ha avuto un colloquio con il presidente della Repubblica Federale tedesca Frank –Walter Steinmeier presso il Castello di Bellevue. Al termine dell’incontro Mattarella alla stampa ha dichiarato di avere “trovato di grande importanza l’invito che il presidente Steinmeier ha fatto nel suo messaggio di Natale a dialogare e a confrontarsi con le persone che la pensano diversamente da noi stessi. Questo invito – ha detto Mattarella – costituisce la chiave della convivenza nell’Unione europea: confrontarsi e dialogare per cercare insieme soluzioni condivise. Credo che questo 2019 sia importante per l’appuntamento di quel grande esercizio democratico che è rappresentato dalle elezioni per il Parlamento europeo, che chiameranno centinaia di persone al voto nello stesso momento. È un passaggio importante per l’Unione e sottolinea quanto i destini dei nostri Paesi siano legati. Germania e Italia hanno un rapporto bilaterale eccellente, ma hanno anche una responsabilità particolare come Paesi fondatori dell’Unione” ha detto  il capo dello Stato . Mattarella e Steinmeier hanno “a cuore” la coesione sociale. E “avvertiamo questo valore anche per quanto riguarda la vita dell’Unione europea: l’Unione non è un comitato d’affari che ha soltanto un’importante dimensione economica, ma è una comunità di valori sui quali si costruisce, sempre di più, l’integrazione e la convivenza dei popoli europei”. Mattarella ha poi ringraziato Steinmeier “per i progetti che, in base alle intese e al programma di interventi promosso dalla Germania, sono stati intrapresi per la memoria condivisa da Germania e Italia per i fatti della guerra. Molti progetti di grande significato – ha aggiunto – sono stati realizzati ed è stato prorogato il programma che prevede altri progetti di grande interesse”.

Mattarella ha invitato Steinmeier a recarsi quest’anno in Italia in visita di Stato. “Sarà anche quella – ha detto il capo dello Stato –  un’occasione per registrare l’amicizia tra i nostri Paesi, la sintonia che vi è sulle questioni più importanti di carattere bilaterale, di carattere europeo e nella scena mondiale. Sarà anche l’occasione per ribadire come il ruolo di Germania e Italia sia importante nell’Europa e per l’avvenire dei nostri popoli”.

In merito alla Brexit , rispondendo alla  domanda di un giornalista, il presidente Mattarella ha rimarcato “il più grande rispetto per le decisioni che il Regno Unito assumerà, quali che esse siano”.

“Il Regno Unito ad oggi è ancora un Paese dell’Unione, ma è, e comunque rimane per il futuro, un Paese amico e alleato, un partner indispensabile per tutti noi per quanto riguarda la dimensione politica, quella economica, sociale, quella della sicurezza. Ciò che noi chiediamo è soltanto la chiarezza delle posizioni così come ventisette Paesi, con atteggiamento uniforme, hanno svolto attraverso il commissario Barnier”.

E per quanto riguarda l’Unione Europea, “la sua forza è rappresentata dai giovani; è cresciuta una generazione di giovani che si sentono europei; a Berlino giungono sempre più giovani italiani. Questo scambio di esperienze, di vita, di collaborazione tra i giovani dei nostri Paesi è la vera garanzia dell’Unione”. “L’Unione ha assicurato ai Paesi e ai popoli europei decenni di vita più serena, tranquilla, di pace e di benessere: questo è un valore che i giovani conoscono e apprezzano”, ha detto il capo dello Stato.

Nel corso della visita ufficiale il presidente Mattarella ha incontrato anche la cancelliera Angela Merkel e il presidente del Bundestag Wolfgang Schäuble.

Prima di far rientro a Roma, Mattarella e Steinmeier hanno preso parte alla tavola rotonda su “La Cultura Europea come Patrimonio del Futuro” presso la Haus der Kulturen der Welt alla presenza di un selezionato gruppo di artisti e intellettuali italiani e tedeschi. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform