direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Presidente Mattarella alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2021-2022 dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca

QUIRINALE

Le Università sono i luoghi privilegiati per affrontare il cambiamento, indicarne prospettive, consentire che venga governato per il bene comune

(foto fonte Presidenza della Repubblica)

MILANO – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è intervenuto ieri alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2021-2022 dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Nel corso della cerimonia hanno preso la parola: Maria Cristina Messa, Ministro dell’Università e della Ricerca; Giovanna Iannantuoni, Rettrice dell’Università degli studi di Milano-Bicocca; Filippo Cucchetto, Presidente del Consiglio degli Studenti dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca; Piero Madau Department of Astronomy & Astrophysics, University of California Santa Cruz, che ha svolto una prolusione dal titolo “The emergence of our complex Universe”.

Nel suo intervento conclusivo il Presidente Mattarella ha osservato che questo è il momento di modernizzare il Paese, di cogliere l’occasione non soltanto delle grandi risorse disponibili, ma anche della riflessione globale che si è svolta in tutto il mondo su quanto avvenuto per modernizzare – in sede internazionale, ma in sede interna, per quanto ci riguarda – il nostro Paese. Le Università sono chiamate a un contributo particolarmente rilevante a questo scopo.

E’ anche importante – ha aggiunto il Capo dello Stato – che l’ampiezza di offerta formativa non abbia limiti e raggiunga tutti, e consenta a tutti la possibilità di studi universitari. Non soltanto perché il nostro Paese deve ampliare la percentuale dei suoi laureati, ma anche perché la possibilità offerta a tutti di poter accedere agli studi universitari consentirà di far esprimere talenti che altrimenti resterebbero inespressi. Con danno grave per il nostro Paese e per l’intera nostra società.

Le Università  – ha concluso Mattarella – sono i luoghi privilegiati per affrontare il cambiamento, indicarne prospettive, consentire che venga governato per il bene comune. Questo è l’apprezzamento e l’augurio che rivolgo al nostro sistema di Atenei perché questa azione venga svolta sempre con grande efficacia, come sovente avviene, e come è sempre più indispensabile che avvenga. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform