direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Presidente Fico alla presentazione della prima edizione del Rapporto ASviS “I territori e gli obiettivi di sviluppo sostenibile”

CAMERA DEI DEPUTATI

ROMA – Il Presidente della Camera Roberto Fico ha partecipato alla presentazione del primo Rapporto ASviS su territori e sviluppo sostenibile.

Il Rapporto – ha detto Fico nel corso del suo intervento – ci ricorda che sono stati definiti appositi indicatori e strumenti. Ci illustra alcune esperienze virtuose di città o aree metropolitane, anche con riferimento al nostro Paese. E opera una verifica dello stato di attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile nei vari livelli territoriali. Ne emerge un quadro ricco e variegato che pone in risalto i punti di forza e di debolezza delle varie realtà. Sono senza dubbio confortanti le esperienze di alcune città in specifici settori ma al tempo stesso, la lettura dei dati conferma che anche nel percorso verso la realizzazione dell’Agenda 2030 si avvertono profondamente le diseguaglianze territoriali.

Si tratta non soltanto del divario tra Mezzogiorno e resto del Paese – ha proseguito Fico -. Ma anche di quello tra le aree a maggiore densità demografica e produttiva, da una parte, e quelle in declino demografico o colpite dalla deindustrializzazione, dall’altra. O ancora tra le aree con maggiore offerta di servizi essenziali e quelle prive di adeguate infrastrutture e accesso ai medesimi servizi.

Non possiamo correre il rischio che anche la transizione verso un modello sostenibile lasci indietro alcune parti del Paese. Dobbiamo evitare che si registri una Italia a più velocità. La pandemia ha contribuito ad amplificare e rendere più evidenti le debolezze storiche e strutturali nei servizi sociali. E al tempo stesso ha fatto emergere nuove esigenze e la necessità di attuare una serie di cambiamenti per migliorare la qualità della vita delle persone.

La strada da intraprendere in questa fase inedita è dunque utilizzare finalmente e in modo lungimirante il potenziale inespresso presente in tutti i territori. E sono almeno quattro i volani di questo processo. Il primo è il miglioramento della qualità della pubblica amministrazione e dei servizi pubblici, a partire da sanità, istruzione, mobilità, welfare, luoghi della socialità. Il secondo è costituito dalla transizione verde e dal passaggio ad una economia circolare, come prevede il Green deal europeo. Il terzo riguarda la trasformazione digitale, attraverso l’eliminazione dei divari che si registrano tra le varie aree e fasce della popolazione. Il quarto consiste nella lotta alla povertà e alla esclusione sociale, soprattutto nelle aree a maggiore disagio economico e sociale.

C’è poi da attivare anche a livello territoriale un percorso di partecipazione democratica nella pianificazione e nell’attuazione della transizione verso un modello sostenibile, con il pieno coinvolgimento di cittadini, istituzioni, aziende, sindacati, enti finanziari, centri di ricerca, università, associazioni. Per assicurare che questa transizione non lasci indietro nessuna persona e nessuna area del nostro Paese  – ha concluso Fico – occorre l’impegno e la coesione di tutti gli attori della comunità nazionale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform