direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di inaugurazione di Bergamo Brescia Capitale italiana della Cultura 2023

QUIRINALE

(Fonte foto Presidenza della Repubblica)

BRESCIA “La cultura è una grande ricchezza. Nasce dalla vita, dalla comunità, dalla natura che ci ospita, e poi ritorna alle persone, alle generazioni successive, come forza vitale, come civiltà, come genio e valore. La cultura non è un ambito separato dell’attività umana, quasi un suo sovrappiù. È il sapere conquistato dall’esperienza. È il pensiero che si costruisce nello studio, nel confronto, nella ricerca, nel lavoro. È l’emozione di rappresentare la vita, è un arricchimento dei valori che caratterizzano l’umanità. Brescia e Bergamo ne sono un esempio con le loro virtù civiche di ieri e di oggi”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di inaugurazione di Bergamo Brescia Capitale italiana della Cultura 2023  presso il Teatro Grande di Brescia. La cerimonia si è svolta in contemporanea con il Teatro Donizetti di Bergamo.

“La cultura – ha sottolineato il capo dello Stato – è strettamente connessa con la libertà: di studio, di ricerca, di espressione del proprio pensiero. Ce lo ricorda la Costituzione. L’arte e la scienza sono libere, recita l’articolo 33; mentre l’articolo 21 dispone il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero”.

“L’esercizio che Brescia e Bergamo, Capitale della cultura, si apprestano a intraprendere è, quindi, un grande esercizio di libertà, cui guarderà l’intero Paese” ha detto Mattarella   che ha rivolto l’augurio “a Bergamo e Brescia, Capitale, e ai loro cittadini,  di essere protagonisti di un nuovo dialogo che guardi all’intera Italia e all’Europa”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform