direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Presidente della Repubblica di Serbia Aleksandar Vucic ha incontrato il Ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio

ITALIA-SERBIA

Una nota della Presidenza serba segnalato dall’Ambasciata d’Italia a Belgrado

BELGRADO – “I rapporti tra i due Paesi sono molto buoni, abbiamo il sostegno dell’Italia sulla nostra strada europea” ha evidenziato il Presidente Vucic sottolineando la lunga tradizione di buone relazioni e di amicizia tra i due Paesi. L’Italia è oggi uno dei principali partner politici ed economici della Serbia in Europa e ormai da diversi anni è anche uno dei principali partner commerciali della Serbia. L’Italia è il secondo partner della Serbia negli scambi con l’estero e il secondo mercato di sbocco (il primo fino alla fine del 2018), nonché il quarto Paese di provenienza delle importazioni, ha indicato il Presidente Vucic.

Il Presidente Vucic ha evidenziato che l’Italia è uno dei maggiori investitori nell’economia serba.

Le due parti hanno discusso la situazione nella regione e lo stallo del dialogo tra Belgrado e Pristina a seguito dell’introduzione delle imposte sulle merci serbe. Il Presidente Vucic ha sottolineato che la Serbia è pronta a riprendere la comunicazione e il dialogo con Pristina non appena verranno revocati i dazi, auspicando il raggiungimento di una soluzione di compromesso al problema.

“L’Italia è un Paese amico della Serbia sulla sua strada europea, e noi faremo il possibile per accelerare il processo di adesione. I Balcani occidentali sono un elemento chiave dell’allargamento UE” ha evidenziato il Ministro degli Esteri italiano Di Maio, suggerendo di proseguire nelle buone pratiche di organizzazione di riunioni congiunte tra i Governi dei due Paesi.

Di Maio si è complimentato con il Presidente Vucic per i risultati economici conseguiti, particolarmente nella diminuzione della disoccupazione, nonché nel settore delle nuove tecnologie e nel coinvolgimento dei giovani in tali processi. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform