direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Presidente del Consiglio Draghi al Consiglio europeo informale di Praga

ESTERI

 

PRAGA – Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha partecipato nei giorni scorsi a Praga al Consiglio europeo informale. Nel corso della prima giornata Draghi ha partecipato al primo Vertice della Comunità Politica Europea, alla sessione plenaria d’apertura “Launching the European Political Community” ed è intervenuto alla tavola rotonda sul tema “Energia, Clima, Economia”. Oltre all’Italia hanno preso parte all’incontro Germania, Portogallo, Irlanda, Belgio, Bulgaria, Liechtenstein, Norvegia, Ucraina e Serbia.

Nel pomeriggio il Presidente ha avuto bilaterali con la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, con il Presidente della Confederazione Svizzera, Ignazio Cassis, e con la Presidente della Repubblica di Moldova, Maia Sandu.

Al termine della giornata il Premier Draghi ha incontrato la stampa e si è detto abbastanza soddisfatto del vertice.

“Abbiamo avuto essenzialmente – ha spiegato il Presidente del Consiglio – due punti importanti: uno sull’Ucraina e l’altro sull’energia. Sull’Ucraina tutti hanno riaffermato il sostegno unanime, su tutti i piani: finanziario, militare e soprattutto si è cominciato a riparlare di ricostruzione. Probabilmente ci sarà una grande conferenza in Germania per cominciare veramente a preparare un piano di ricostruzione. Si è registrata sostanzialmente grande unità. Molti si sono lamentati della propaganda russa nei loro Paesi, che è diventata più aggressiva. Hanno posto il problema su cosa fare, perché effettivamente questa propaganda è piena di menzogne e quindi i Paesi reagiscono. Questa è stata un’altra valutazione abbastanza condivisa da tutti. Sull’energia – ha aggiunto Draghi – le cose si stanno muovendo. La Commissione presenterà al prossimo Consiglio Europeo una proposta in cui i tre elementi – far diminuire i prezzi, avere un elemento di solidarietà nel meccanismo e un inizio di riforma del mercato

dell’elettricità – ci saranno”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform