direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il presidente del Consiglio a Il Cairo: colloquio con il presidente della Repubblica egiziana

GOVERNO

Conte: “Caso Giulio Regeni, al-Sisi ha assicurato massima collaborazione”. Libia, invio di militari italiani solo in condizioni di sicurezza”

RO MA – “Abbiamo parlato del caso Regeni, ho ricordato che tra qualche giorno è l’anniversario della scomparsa e rivolgo un pensiero affettuoso ai suoi familiari”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a margine del colloquio avuto a Il Cairo con il presidente Repubblica Araba d’Egitto, Abd al Fattah al Sisi.
La visita di Conte nella capitale egiziana è in concomitanza con l’incontro di un team di investigatori del Ros dei Carabinieri e dello Sco della Polizia che indagano sulla morte del giovane ricercatore italiano, con gli inquirenti egiziani.
“ Oggi al Cairo – ha proseguito Conte – ci sono carabinieri e polizia e si fermeranno anche domani: è il segnale positivo che sono ripresi i contatti tra gli investigatori, confidiamo che presto riprendano anche i contatti tra le procure. L’importante – ha sottolineato Conte – è che la collaborazione riprenda, al Sisi mi ha assicurato che la collaborazione da parte loro sarà massima”.
Per quanto riguarda la Libia Conte ha affermato che “l’Italia, se si tratta di dare ogni forma di contributo alla pacificazione in Libia, è sempre disponibile, ma in questo momento non ha senso ragionare di ridislocamento” di militari italiani. “Ne discuteremo a Berlino e se ci saranno le premesse l’Italia è disponibile. Ma non manderemo uno solo dei nostri ragazzi se non in un contesto di sicurezza e con un mandato chiaro”, ha precisato il presidente del Consiglio, confermando che la conferenza di Berlino si terrà domenica prossima. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform