direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il presidente del Comites di Liegi e Lussemburgo sul taglio al fondo patronati

ITALIANI ALL’ESTERO

Domenico Bontempi è contrario alla riduzione dei fondi previsto nella legge di stabilità

 

LIEGI – Il presidente del Comites di Liegi e Lussemburgo, Domenico Bontempi, interviene a sostegno dei patronati con una nota in cui esprime contrarietà al taglio delle risorse loro destinate previsto nella legge di stabilità al vaglio del Parlamento.

Bontempi segnala come in questi anni di crisi l’emigrazione italiana abbia conosciuto “un nuovo straordinario incremento soprattutto nell’ambito giovanile”, situazione “che ha generato nuovi bisogni da affrontare e da risolvere”, ma – rileva – “non ha trovato una corrispondenza adeguata da parte dello Stato italiano”. Richiamati su questo fronte in particolare i tagli connessi alla razionalizzazione della rete consolare e agli Istituti Italiani di Cultura, problematiche cui aggiunge una critica alla scarsa incisività dell’azione politica dei parlamentari eletti all’estero.

“L’unico servizio che è sempre rimasto a sostegno di ogni situazione di bisogno dell’intera collettività italiana nel mondo è stato e rimane ancora il patronato – scrive Bontempi, segnalando come esso abbia sempre “rappresentato un punto di riferimento valido nel confronto degli enti e istituzioni italiani ed esteri assicurando una presenza seria, continua e qualificata”. “Oggi la legge di stabilità prevede un taglio delle risorse destinate ai patronati mettendone in discussione la loro sopravvivenza e precludendo ai cittadini la possibilità di ottenere un’assistenza gratuita per far valere i propri diritti previdenziali e socio-assistenziali – osserva il presidente del Comites, che invita i connazionali a sottoscrivere la petizione in cui viene chiesto al Governo italiano di “ritirare le norme inserite nel decreto di stabilità perché la politica dovrebbe tagliare gli sprechi e non ridurre i diritti dei cittadini”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform