direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Mosaico è un fiore all’occhiello dell’Italia a Lione! Un mestiere d’arte ed una specialità del Fogolâr Furlan locale

ASSOCIAZIONI

LIONE (Francia) – Pochi lo sanno, ma la città di Lione potrebbe essere la capitale del mosaico, non solo per i mosaici antichi romani, ma soprattutto per la presenza dei nostri emigrati che con le loro mani hanno continuato, sviluppato quest’arte antica, basta pensare alla basilica di Fourviere talvolta qualificata “la cappella Sistina del mosaico”! Non molto lontano da Lione, nella cittadina di Paray le Monial da oltre 20 anni si realizzano mostre internazionali di mosaico artistico chiamata ‘’M…(aime) comme mosaïque”.

In questa regione oltre a chiese e monasteri, siti di pellegrinaggi, esistevano sin dall’800 anche fornaci ed una fiorente industria di ceramiche di ogni tipo, dalle stoviglie come la famosa “Fayencerie de Digoin”che esportava nel mondo intero, e la Cerabati (Ceramique du Batiment) per le piastrelle e ceramiche per l’edilizia, la cui produzione di mosaico industriale era di straordinaria importanza! Dove ci sono forni, fornaci, laterizi, piastrelle, c’è anche il mosaico… e ci sono per forza italiani friulani! Le donne decoravano a mano, collane intere di stoviglie pregiate, gli uomini producevano o posavano il mosaico “industriale”… ed alcuni sapevano trasformare banale ceramica in opere d’arte.

Queste industrie ceramiche sono sparite, non esistono più, ma nei musei ci sono i registri, con centinaia di nomi italiani, non erano tutti artisti, erano emigrati venuti per guadagnarsi il pane, realizzando mosaico di ogni tipo , non erano artisti da cavalletto, ma per cantieri immensi, l’arte del mosaico era dentro di loro, ne hanno lasciato i semi ed il mosaico artistico moderno è sbocciato.

La storia continua con Domenico Annarelli, membro del Fogolar Furlan, ed anche membro di “M comme Mosaïque”, che espone regolarmente le sue opere musive assieme a mosaicisti provenienti da tutto il mondo. Si può dire che grazie al Fogolâr Furlan di Lione, il mosaico vive a Lione!

Il Fogolâr Furlan ha in programma, con il probabile appoggio dell’eccellente IIC di Lione, una mostra del grande maestro mosaicista friulano, Giulio Menossi, che spesso ispira e talvolta guida artisti di alto livello. Attualmente, dal 10 luglio al 19 settembre 2021, dieci mosaicisti canadesi espongono a Paray le Monial, il Fogolâr Furlan invita alla visita.

Nelle numerose associazioni del Fogolâr Furlan sparse nel mondo, ci sono sempre mosaicisti della Scuola Spilimberghese, sono gli ambasciatori di un’arte tutta italiana, esportata, ammirata, adottata, imitata con successo da artisti di ogni continente ma le radici sono italiane. (Danilo Vezzio* – Inform)

*Presidente del Fogolâr Furlan di Lione

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform