direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Il mondo nel 2023: sarà quiete dopo le tempeste? Scenari per le imprese, tra rischi e opportunità”

INTERNAZIONALIZZAZIONE

Il 26 gennaio conferenza a Milano organizzata nell’ambito dell’Osservatorio Geoeconomia promosso da Ispi e Intesa Sanpaolo, in collaborazione con Assolombarda e Sace

MILANO – “Il mondo nel 2023: sarà quiete dopo le tempeste? Scenari per le imprese, tra rischi e opportunità”: è il titolo della conferenza che si terrà il prossimo 26 gennaio a Milano, presso l’Auditorium di Assolombarda, con inizio alle ore 11. La conferenza è organizzata nell’ambito dell’Osservatorio Geoeconomia promosso da Ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) e Intesa Sanpaolo, in collaborazione con Assolombarda e Sace (Servizi assicurativi e finanziari per le imprese). Dopo la pandemia, nel 2022 la guerra in Ucraina ha causato un altro forte shock all’economia globale, alimentando l’inflazione, amplificando la crisi energetica e alimentare, rallentando gli scambi globali e ridisegnando gli scenari geopolitici. Le imprese sono quindi costrette a operare in un contesto sempre più complesso e volatile, in cui fare previsioni diventa sempre più difficile. In particolare, la domanda principale per il 2023 è se e quanto potranno peggiorare ulteriormente gli scenari geoeconomici prima che si materializzino prospettive di miglioramento. Il rialzo dei tassi di interesse riuscirà nell’intento di abbassare i prezzi? L’Europa troverà una soluzione per riempire il vuoto lasciato dalla Russia nelle forniture di energia? Quali implicazioni avrà la guerra commerciale lanciata dagli USA alla Cina sulla competizione tecnologica globale e quali i riflessi sull’Europa? A queste e altre domande risponderà la conferenza, dando voce a rappresentanti di imprese che stanno affrontando sfide particolarmente significative, tanto sui mercati internazionali quanto nel nostro Paese. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform