direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il ministro Teresa Bellanova segnala alcune misure del decreto Cura Italia

POLITICHE AGRICOLE

“50 milioni di euro per cibo alle persone più fragili e 100 milioni per sostenere la liquidità delle aziende. Necessario evitare sprechi di ogni natura”

ROMA – Il ministro delle Politiche agricole, Teresa Bellanova ribadisce in una nota come sia essenziale in questo periodo “evitare sprechi di ogni natura” e segnala alcuni interventi previsti nel decreto Cura Italia dedicato all’emergenza coronavirus. “Nei giorni scorsi ho detto: non un litro di latte deve essere sversato. La filiera del latte, come quella degli allevamenti in generale, è tra le più esposte. Non si possono fermare, gli animali hanno bisogno di cura quotidiana – afferma il Ministro.

“Vanno affrontanti adeguatamente due problemi: sovrapproduzione e mancanza di cibo per fasce importanti della nostra popolazione – aggiunge Bellanova, segnalando i 6 milioni di euro per l’acquisto di 180mila quintali di latte stanziati nel decreto firmato insieme al ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo la scorsa settimana. “Lo salviamo dallo spreco e lo distribuiremo alle persone indigenti – rileva Bellanova, richiamando anche lo stanziamento di 50 milioni di euro per garantire il cibo alle persone più fragili, “perché nei momenti di difficoltà noi non dobbiamo lasciare da solo nessuno”, occorre “aiutare i produttori a non distruggere la merce per la quale hanno lavorato e sostenere le fasce più deboli”.

“Nel decreto Cura Italia abbiamo inserito anche un fondo da 100 milioni di euro per sostenere la liquidità delle aziende. Ora pensiamo all’emergenza ma ci sarà bisogno di interventi imponenti per il dopo. E la filiera agroalimentare dovrà avere uno spazio centrale perché assicura il cibo necessario – conclude il Ministro. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform