direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Ministro Di Maio alla riunione informale del Consiglio Affari Esteri UE sul Commercio

ESTERI

 

ROMA –  Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio, ha partecipato oggi in videoconferenza alla riunione informale del Consiglio Affari Esteri UE sul Commercio, dedicato alla Comunicazione della Commissione europea sulla Revisione della Politica Commerciale dell’Unione. Di Maio – informa la Farnesina con una nota –  ha ringraziato anzitutto il Vice Presidente della Commissione UE Dombrovskis per l’informativa resa al Parlamento italiano su tale Comunicazione, un documento ambizioso, che segna una discontinuità col passato, riflettendo le crescenti sensibilità europee in tema di sostenibilità ambientale e sociale.

Apertura agli scambi internazionali, competitività dell’UE, riforma dell’OMC e garanzia del level playing field, sviluppo sostenibile, questioni sociali e di genere, e partecipazione delle PMI al commercio internazionale sono temi centrali non solo per l’UE ma anche per la Presidenza italiana del G20. L’Italia sostiene la linea dell’Unione Europea sulla politica commerciale, confidando che possa favorire la nostra vocazione all’export e assicurare la regolare fornitura di materie prime, ma anche rafforzare gli strumenti comuni di difesa commerciale e promuovere il rispetto degli obblighi da parte dei nostri partner, fronteggiandone i comportamenti scorretti.

Il Ministro Di Maio ha inoltre ribadito ai colleghi europei che l’Italia sostiene sia l’approfondimento delle relazioni con i Paesi del vicinato e il continente africano, sia l’estensione della rete di accordi di libero scambio con l’Asia-Pacifico e l’America latina, così come il rilancio dell’agenda transatlantica con la nuova amministrazione americana. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform