direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio in visita a Pechino

INTERNAZIONALIZZAZIONE

Siglati accordi per l’esportazione di nocciole, erba medica e agrumi

 

PECHINO – Il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio, in visita a Pechino, ha firmato ieri, all’Agenzia delle Dogane, due accordi che permetteranno l’esportazione di nocciole ed erba medica. Siglato anche il nuovo protocollo sugli agrumi. In occasione dell’incontro, le autorità cinesi hanno confermato che, nelle more della firma, l’intesa sull’export degli agrumi per via aerea è già provvisoriamente applicabile e i nostri produttori – si legge nella nota diffusa dal Ministero in proposito, – possono cominciare a esportare.

“La firma di questi accordi rappresenta un passo in avanti importante per la nostra agricoltura che può approcciare oggi un mercato dalle grandi potenzialità per le nostre esportazioni come quello cinese. Nel quadro dei nostri rapporti con la Cina, il settore agroalimentare ha un’importanza crescente – ha affermato Centinaio. “Inoltre, abbiamo sollecitato la controparte a concludere presto l’intesa sul riso da risotto nonché quella sulle carni crude negoziata dal Ministero della salute. Infine, ci siamo impegnati a far progredire la nuova trattativa sulle pere. Proseguiamo su questa strada, sostenendo in maniera forte e concreta i nostri produttori – ha dichiarato il Ministro.

Nel corso della visita, anche l’incontro con Zhang Xu, vice ministro della Cultura e del Turismo, per rafforzare la cooperazione a livello istituzionale, anche alla luce dell’estensione delle competenze del Mipaaft, che porterà a integrare nel turismo anche la valorizzazione dell’enogastronomia e dei territori rurali.

“Con l’Ambasciata cinese in Italia e con la Fondazione Italia Cina lavoriamo per favorire un approccio maggiormente chinese friendly ai turisti cinesi in arrivo in Italia, anche attraverso l’attivazione di meccanismi di accoglienza e assistenza ad hoc. Il 2018 è stato l’anno del turismo Ue-Cina e tanto è stato fatto, ma tanto si può ancora fare per incrementare gli scambi con il nostro paese – ha concluso Centinaio. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform