direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il deputato del Pd Francesca La Marca ospite alla trasmissione di Rai Italia “Community”

ITALIANI ALL’ESTERO

 

Provvedimenti e proposte per il suo secondo mandato

 

ROMA – Alessio Aversa, nel corso della trasmissione di Rai Italia “Community”, ha intervistato la deputata del Pd Francesca La Marca, che è stata recentemente rieletta nella ripartizione America del Nord e Centrale. La Marca ha parlato del suo prossimo impegno e dei provvedimenti e delle proposte che sta portando avanti.

“Sono nata in Canada a Toronto, da genitori italiani madre pugliese e padre siciliano- racconta la deputata – quindi sono di seconda generazione. Ho conseguito un dottorato in letteratura francese, ho insegnato per diversi anni lingua e letteratura francese e poco più di 5 anni fa il Pd mi ha proposto di candidarmi. Sono stata riconfermata con 8.700 preferenze per questa legislatura”. La Marca passa a questo punto a parlare della proposta di legge volta all’istituzione della Giornata Nazionale degli Italiani nel Mondo: “è un provvedimento che la maggior parte dei deputati ha sottoscritto, per valorizzare i 100 milioni di oriundi italiani nel mondo e il loro contributo scientifico, artistico, imprenditoriale. Ha un valore simbolico ed è a costo zero. La proposta di legge è passata alla Camera e per due settimane non è passata al Senato, perché le Camere sono state sciolte. Bastava poco e per questo ho già ripresentato la proposta”. Altri due temi cari alla deputata del Pd sono il riacquisto della cittadinanza e i servizi consolari: “non a caso la proposta sul primo di questi due punti – spiega La Marca – è stato il primo atto parlamentare nel 2013, con l’intenzione di estenderla solo a chi avesse perso la cittadinanza, quindi non a generazioni successive, ma solo a chi ce l’aveva e l’ha persa per diventare canadese, statunitense o quant’altro. Questa proposta di legge è stata bloccata in commissione affari internazionali, nella diciassettesima legislatura, da parte delle allora opposizioni, Cinque Stelle e Lega, che non hanno voluto il riacquisto della cittadinanza per chi l’ha persa. Ora staremo a vedere, però io ce la metterò tutta. Il discorso sui servizi consolari, invece, – continua La Marca – rappresenta una delle battaglie su cui mi sono impegnata tanto e continuo a farlo, cercando di erogare fondi ai consoli onorari e assicurando che venga aumentato il personale”. Ultimo tema toccato nel corso dell’intervista è quello del voto all’estero: “Devo intanto riconoscere – ha affermato la deputata – lo sforzo del Direttore Generale Vignali, che ha introdotto per queste elezioni il codice a barre. Certo quella sulla messa in sicurezza del voto all’estero è una riflessione che bisogna fare. Io intanto sto per presentare un atto parlamentare per aggiornare la lista Aire, che è un buon punto di partenza in questa direzione”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform