direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Comites Israele sulla presenza italiana in loco

ITALIANI ALL’ESTERO

Aumentato del 4% il numero dei connazionali residenti in loco; sono 16.500 secondo i dati forniti dall’ufficio consolare e aggiornati al 29 novembre scorso

TEL AVIV – Il Comites di Israele segnala sul proprio sito internet come degli oltre 5 milioni di iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire) 16.500 sono in Israele, secondo i dati forniti dall’ufficio consolare e aggiornati al 29 novembre scorso. Ciò significa un incremento del 4% rispetto al 31 dicembre 2018. Il Comites richiama in particolare i dati contenuti nel Rapporto italiani nel mondo 2019 recentemente pubblicato dalla Fondazione Migrantes, e segnala come la regione di provenienza più frequente per gli iscritti all’Aire in Israele è il Lazio, con oltre 3.000 persone. Israele è inoltre tra le prime 25 nazioni nel mondo per italiani ufficialmente residenti.

“Dal 2006 al 2019 la mobilità italiana è aumentata del +70,2% passando, in valore assoluto, da poco più di 3,1 milioni di iscritti all’Aire a quasi 5,3 milioni – nota il Rapporto.

 Accanto ai valori positivi, il Rapporto mette in luce anche il problema della cosiddetta “fuga dei cervelli” che si fa sempre più drammatica. “Continua la dispersione del grande patrimonio umano giovanile italiano. Capacità e competenze che, invece di essere impegnate al progresso e all’innovazione dell’Italia, vengono disperse a favore di altre realtà nazionali che, più lungimiranti del nostro Paese, le attirano a sé, investono su di esse e le rendono fruttuose al meglio, trasformandole in protagoniste dei processi di crescita e di miglioramento – si legge.

“Questo clima di fiducia rende i giovani (e i giovani adulti) expat italiani sempre più affezionati alle realtà estere che, al contrario di quanto fa la loro Patria, li valorizzano e li rendono attivi sostenendo le loro idee e assecondando le loro passioni. In altri contesti internazionali, infatti, le esperienze di formazione e lavorative in altri Stati vengono salutate positivamente salvo poi considerare più che necessario ri-attirare quei professionisti che hanno arricchito il loro bagaglio umano, culturale, linguistico e professionale – con un periodo trascorso in un’altra realtà nazionale – prosegue la riflessione.  “Più volte lo abbiamo sostenuto dalle pagine di questo annuario: la mobilità in sé non è un male ma raggiunge la sua completezza solo quando è circolare, ovvero nel continuo e proficuo scambio tra realtà nazionali tutte parimenti attraenti – anche per motivazioni diverse – per i lavoratori di qualsiasi settore e di qualsiasi livello”.  Il Comites sottolinea come dal punto di vista della valorizzazione dei giovani e dei talenti, Israele è sicuramente all’avanguardia e forse all’Italia potrebbe fornire ispirazione. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform