direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Circolo Pd di Buenos Aires sul ritrovamento del nipote del presidente delle “Abuelas” di Plaza de Mayo Estela Carlotto

DESAPARECIDOS

“Una vittoria per la lotta popolare, il trionfo della memoria storica, la vittoria della giustizia sul delitto, dell’allegria e dell’amore sulla sofferenza e l’odio”

BUENOS AIRES “Il giorno di oggi resterà fissato nella memoria del popolo argentino. Il ritrovamento di Guido, il nipote tanto cercato ed amato di Estela Carlotto, presidente dell’Associazione delle Nonne di Plaza de Mayo,  è una vittoria per la lotta popolare, il trionfo della memoria storica, la vittoria della giustizia sul delitto, della allegria e l’amore sulla sofferenza e l’odio”. Lo scrive in una nota il Circolo del Partito Democratico di Buenos Aires.

“Come la stessa Estela dice, – prosegue il comunicato – Guido è soltanto uno dei 114 nipoti ‘recuperados’. Ha sofferto come tanti altri, i suoi genitori hanno corso la stessa sorte di tanti che in quei anni sognavano costruire un mondo migliore. La sua famiglia lo ha cercato senza sosta come tante altre. Ma Guido, Laura (la sua mamma rapita incinta e poi uccisa), Estela, sono un simbolo di lotta per la dignità, per la memoria e per la giustizia. Estela è stata una delle più importanti protagoniste della storia argentina di questi ultimi 40 anni. Essere stati vicino a Lei è un onore per tutti noi. Le numerose iniziative, campagne, eventi politici, tanto in Italia come nel nostro paese, assieme a Estela sono state delle migliori pagine che la fraternità dei due popoli, italiano e argentino, ha mai scritto. Una attiva ed entusiasta solidarietà che persiste anche oggi”.

“Le Abuelas – continua la nota – sono le nonne dei nostri figli. Le Madres sono anche le nostre madri. Siamo parte di questa lotta e siamo parte di questa allegria. Desideriamo abbracciare da queste semplici righe a Estela, alle Abuelas, alle Madres, ai Familiares di Italiani Vittime del Terrorismo di Stato, a tutti quelli che hanno dato senso, hanno permanentemente ridato significato, in tutti questi anni, a questa doppia appartenenza che noi italoargentini sentiamo e rivendichiamo, facendoci sentire orgogliosi di essere nello stesso tempo italiani ed argentini”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform