direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Carse all’inaugurazione  dell’archivio regionale dell’emigrazione siciliana a Valguarnera Caropepe (Enna)

ASSOCIAZIONI

 

ENNA – Il presidente del Coordinamento delle Associazioni Regionali Siciliane dell’Emigrazione (Carse), Salvatore Augello segnala la nascita dell’Archivio regionale dell’emigrazione siciliana, inaugurato sabato 11 giugno dallo stesso Augello e dal sindaco di Valguarnera Caropepe Francesca Draià.

Nella nota diffusa in proposito Augello segnala che la realizzazione dell’archivio si deve ai lunghi sforzi e al costante impegno del Coordinamento del Carse e che l’evento inaugurale si è svolto in concomitanza di un’altra importante iniziativa organizzata dal Comune e dall’associazione Valguarneresi nel Mondo, ideatori del museo etnologico e dell’emigrazione ospitato presso il Palazzo Prato, lo stesso immobile di proprietà del comune, che ospiterà nei vani terreni l’Archivio regionale.

La mattinata è stata dedicata infatti alla famiglia Di Vita – La Spina, partita da Valguarnera nel 1910 alla volta dell’America, e il cui albero genealogico è stato ricostruito con l’aiuto di Paolo Totò Bellone, presidente dei Valguarneresi nel mondo. Le due famiglie, oggi composte da circa quaranta componenti, sono tornate nel paese di origine, in provincia di Enna, portando un’importante mostra che è stata donata al Museo e che ricostruisce la storia della famiglia. Era presente all’evento una rappresentanza dei Di Vita – La Spina fino alla decima generazione.

È seguita quindi l’inaugurazione dell’Archivio, con lo scoprimento dell’insegna del luogo in cui confluirà tutto il materiale che testimonia la storia dell’emigrazione e l’impegno delle associazioni regionali dell’emigrazione in oltre mezzo secolo di attività.

“Lo scopo è quello di fare in modo che un importante e voluminoso capitolo della storia del popolo siciliano, quello residente fuori dalla Sicilia, non vada disperso e diventi patrimonio comune di tutti i siciliani. È nuovo compito e obiettivo del movimento associativo – scrive Augello, – riuscire ora a trasmettere non solo il dramma dell’emigrazione che ha spopolato e continua a spopolare i nostri paesi, ma le sue cause, il suo apporto allo sviluppo della Sicilia, quello che ancora possiamo e dobbiamo aspettarci da questa grande risorsa che la Regione ha all’estero, ma non si attrezza per utilizzarla al meglio”. Tra gli obiettivi anche il coinvolgimento delle scuole con accordi di collaborazione.  Il presidente del Carse segala inoltre che l’evento è stato seguito e ripreso dalla Rai, con interviste sull’attività del Carse e sul fenomeno del turismo delle radici.

La giornata si è conclusa con l’auspicio di proseguire le attività finalizzate a far conoscere l’emigrazione siciliana alle giovani generazioni, sensibilizzando sul tema anche la politica regionale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform