direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 25 giugno l’incontro online “6 aprile 1520. La morte di Raffaello”

APPUNTAMENTI

Matteo Lafranconi, direttore delle Scuderie del Quirinale e curatore della Mostra “Raffaello 1520 – 1483”, sarà ospite dell’iniziativa organizzata da IIC e Museo d’Arte di Tel Aviv

 

TEL AVIV – Si svolgerà giovedì 25 giugno alle ore 18 l’incontro online con Matteo Lafranconi, direttore delle Scuderie del Quirinale e curatore della Mostra “Raffaello 1520 – 1483”, intitolato “6 aprile 1520. La morte di Raffaello”. All’evento, organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con il Museo d’Arte di Tel Aviv (Tama), intervengono anche l’ambasciatore d’Italia in Israele, Gianluigi Benedetti e Tania Coen-Uzzielli, direttrice del Tama. Nella notte tra il 6 e il 7 aprile del 1520 muore Raffaello, ammalatosi otto giorni prima. Attorno al suo letto si raccoglie tutta Roma, costernata ed incredula. Lo stesso pontefice Leone X, che tanto ancora si aspettava dalla travolgente creatività dell’artista, è affranto dal dolore. La morte di Raffaello è un evento clamoroso di cui subito si parla in tutte le corti: è morto non solo il più celebrato pittore vivente, ma è scomparso anche l’architetto della fabbrica di San Pietro e lo studioso di antichità da cui ci si attendeva la miracolosa ricostruzione della Roma dei Cesari. L’incontro si terrà in inglese via Zoom. La partecipazione è gratuita ma occorre registrarsi in anticipo nella pagina https://bit.ly/TAMA_RAFFAELLO. La mattina del 25 giugno si riceverà il link per l’incontro Zoom.  Matteo Lafranconi (Roma, 1966) è direttore del Complesso “Scuderie del Quriinale”, affidato dalla Presidenza della Repubblica al Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo che le gestisce attraverso la sua società in-house Ales. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform