direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 20 gennaio al Théâtre des Variétés di Monaco (Principato) l’evento “Bergamo e Brescia, una duplice rinascita”

APPUNTAMENTI

Iniziativa promossa dal Comitato di Monaco della Società Dante Alighieri, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia, in occasione della duplice nomina a Capitale della Cultura italiana 2023

 

MONACO (Principato) – In occasione della duplice nomina a Capitale della Cultura italiana 2023, il Comitato di Monaco della Società Dante Alighieri, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia, presenta l’evento “Bergamo e Brescia, una duplice rinascita”, in programma venerdì 20 gennaio alle ore 19 al Théâtre des Variétés di Monaco (Principato).

Si alterneranno sul palco l’attore Giorgio Pasotti, l’architetto Valeria Cagnoni, importante documentarista, l’imprenditore Fabio Bosatelli, che illustrerà il suo progetto “Chorus Life” e infine il musicista Omar Pedrini,

già leader del gruppo Timorìa.

Giorgio Pasotti, attore molto apprezzato dal grande pubblico, accompagnato da un sottofondo di musica e immagini, condurrà i presenti attraverso la lettura di alcune pagine, nella città di Bergamo, tanto ben descritta e amata dal grande scrittore e filosofo tedesco Herman Hesse. Valeria Cagnoni, bergamasca sempre in viaggio, protagonista con Emerson Gattafoni del programma di RaiUno “Dreams Road”, approfondirà il tema del fascino legato al viaggio e alla conoscenza. Raccontando della sua città e di come progettare il futuro sia anche in effetti un vagare nel tempo, Valeria Cagnoni introdurrà il terzo ospite, Fabio Bosatelli, impegnato nella realizzazione del megaprogetto ‘Chorus Life’, la città del futuro, il cui obiettivo è quello di riqualificare e migliorare un’area urbana della città di Bergamo.

Infine, il compositore-interprete Omar Pedrini racconterà l’importanza del rapporto tra la sua città natale e la sua musica. Una serata molto speciale, durante la quale gli ospiti si riuniranno non solo per rendere omaggio alle due città così duramente colpite dalla pandemia, ma soprattutto per onorare la loro doppia nomina a Capitale della Cultura del 2023, riportandole alla loro attuale realtà di capoluoghi lombardi rivolti al futuro e rianimati dall’azione culturale verso un progetto comune per le grandi sfide del nostro tempo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform