direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 15 aprile il webinar “Essere ricercatori/ricercatrici italiani/e in Norvegia e in Islanda oggi. Esperienze, problemi e prospettive”

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE

L’iniziativa è organizzata da Ambasciata e IIC di Oslo in occasione della Giornata della Ricerca Italiana nel Mondo

OSLO – In occasione della Giornata della Ricerca Italiana nel Mondo, l’Ambasciata e l’Istituto Italiano di Cultura di Oslo hanno organizzato il webinar “Essere ricercatori/ricercatrici italiani/e in Norvegia e in Islanda oggi. Esperienze, problemi e prospettive” che si svolgerà il 15 aprile alle ore 18.30, sulla piattaforma Webex e in diretta streaming su FB.

Parteciperanno il prof. Arnoldo Frigessi – UiO; Ing. Arianna Minoretti – Statens vegvesen; Dr.ssa Sara Barsotti – Osservatorio vulcanologico Islandese (IMO); Prof. Filippo Berto – NTNU; Prof. Carl Thodesen – OsloMet; Dr.ssa Barbara Scarnato – DNV; Dr. Jonathan Rizzi – NIBIO.

Introduce la senatrice eletta nella ripartizione Europa Laura Garavini. Modera l’ambasciatore Alberto Colella.

Promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in collaborazione con il Ministero degli Esteri e il Ministero della Salute, la Giornata della ricerca italiana nel mondo intende promuovere ogni anno, nella ricorrenza del 15 aprile – data di nascita di Leonardo Da Vinci – il valore della ricerca scientifico-tecnologica italiana condotta in Italia e all’estero. Temi dell’iniziativa sono il valore della ricerca italiana e dei nostri ricercatori, la qualità del nostro sistema educativo e il know-how tecnologico nazionale.

In questo seminario sarà possibile ascoltare e mettere a confronto le esperienze di alcuni scienziati/e e ricercatori/trici italiani/e in Norvegia e Islanda, impegnati nelle università, nelle imprese e nelle istituzioni. I temi del dibattito – a carattere informale – includeranno le risorse per la ricerca, il brain drain, la parità di genere e i possibili contatti con l’Italia (inclusa la piattaforma di diplomazia scientifica Innovitalia).

La scienza permette di superare le barriere culturali e linguistiche e ha spesso la capacità di accompagnare con efficacia l’azione politico-diplomatica dei paesi, talvolta precedendola.

L’Italia è orgogliosa dei suoi ricercatori/trici, che in Italia e all’estero sono riconosciuti/e per la loro capacità e per la loro creatività, ambasciatori della nostra cultura, della nostra consuetudine a perseguire conoscenza e innovazione, del nostro saper coniugare valori civili, qualità della vita, bellezza e modernità.

L’Italia della ricerca è oggi ottava al mondo per numero di pubblicazioni scientifiche (fonte: SCImago) e i suoi ricercatori sono una risorsa di grande valore: le persone impiegate in attività di ricerca e sviluppo nel nostro Paese sono più di 246.000.

Solo in Norvegia si calcola operino circa 500 scienziati/e e ricercatori/trici italiani/e (non vi sono dati precisi per l’Islanda), che mantengono forti legami e contribuiscono agli scambi scientifici con il nostro Paese. La scienza è quindi uno dei strumenti del soft power italiano in Norvegia e in Islanda. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform