direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 14 aprile ultima riunione formale del CGIE prima dell’insediamento dei nuovi eletti

ITALIANI ALL’ESTERO

 

 ROMA – “Le elezioni per il rinnovo del Consiglio Generale degli Italiani all’estero svoltesi durante i giorni 9/10 aprile u.s. hanno interessato la parte elettiva corrispondente a 43 rappresentanti di 17 Paesi nei quali è residente la maggior parte dei nostri connazionali. A questi Consiglieri nel giro di un mese si aggiungeranno ulteriori 20 Consiglieri nominati dal Governo, in rappresentanza delle forze politiche, sociali, associative e delle professioni, che completeranno l’intera assemblea dell’organismo di rappresentanza intermedia degli italiani all’estero, che è composto complessivamente da 63 Consiglieri”. Lo scrive in una nota il Segretario Generale del Cgie Michele Schiavone che prosegue “La futura parte elettiva del Cgie  sarà composta da 10 donne e 33 uomini, 19 sono i Consiglieri rieletti e 24 quelli di nuova nomina, mentre 4 di loro ritornano nell’Assemblea dopo una pausa di un mandato. In conformità alle disposizioni di legge i risultati elettorali sono al vaglio degli Uffici del Superiore Ministero e saranno ufficializzati entro la settimana corrente. Si ricorda che il Cgie svolge un ruolo di cerniera tra le rappresentanze associative, sociali e i Comites e il Parlamento, viene identificato come un parlamentino nel quale vengono discusse questioni specifiche di interesse per le comunità degli Italiani all’estero. I rappresentanti svolgono le attività di rappresentanza in pieno regime di volontariato. Con il rinnovo della rappresentanza –  continua Schiavone – è terminata anche la IV consiliatura del Cgie e proprio per discutere questi argomenti le Consigliere e i Consiglieri si riuniranno per l’ultima volta formalmente in forma virtuale giovedì 14 aprile, al fine di fare un bilancio sulle recenti elezioni e sul lavoro svolto durante l’intera consiliatura”. Schiavone conclude la sua riflessione ricordando che dall’inizio dell’anno in corso il Cgie è in status di prorogatio per una decisione del Maeci confermata dall’Avvocatura dello Stato e che quindi , fino all’insediamento dei nuovi eletti, sarà chiamato a svolgere solo l’ordinaria amministrazione e a esprimere pareri su questioni urgenti e emergenziali. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform