direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 10 dicembre l’inaugurazione dell’Ostello “Don Luigi Di Liegro” e della Mensa “San Giovanni Paolo II”

CARITAS DI ROMA

Durante la cerimonia verrà scoperta la Porta Santa della Carità, opera di padre Marko Ivan Rupnik, che Papa Francesco varcherà il prossimo 18 dicembre

 

ROMA – Giovedì 10 dicembre, alle ore 10, il cardinale vicario Agostino Vallini inaugurerà l’Ostello “Don Luigi Di Liegro” e la Mensa “San Giovanni Paolo II” alla Stazione Termini di Roma (via Marsala, 109). Le due strutture di accoglienza della Caritas diocesana riapriranno dopo i lavori di ristrutturazione e riqualificazione iniziati nel 2010. Papa Francesco ha scelto i due centri della Caritas come Porta Santa della Carità del Giubileo della Misericordia che aprirà il 18 dicembre 2015 alle ore 16.30. Alla cerimonia di inaugurazione, insieme al cardinale Vallini, interverranno il vescovo Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana, il direttore della Caritas, monsignor Enrico Feroci. Durante la cerimonia di inaugurazione verrà scoperta anche la Porta Santa della Carità, opera dell’artista padre Marko Ivan Rupnik, che Papa Francesco varcherà il prossimo 18 dicembre.

L’Ostello “Don Luigi Di Liegro” ha aperto ufficialmente il 2 giugno 1987 su iniziativa dell’allora direttore della Caritas a cui ora è dedicato, in un immobile messo a disposizione dalle Ferrovie dello Stato e fin dall’inizio opera in convenzione con il Comune di Roma. Pensato come luogo accogliente e confortevole per ospitare i senza dimora per brevi periodi, approdo da cui ripartire, in esso operano professionisti, operatori sociali e volontari.

Dal 1987 – spiegano dalla Caritas diocesana di Roma –  hanno trovato un riparo temporaneo all’Ostello più di 11mila senza dimora, 188 ogni notte, che oltre all’assistenza immediata – un letto, la doccia, il pasto, un cambio di vestiti – hanno incontrato persone disposte ad ascoltarli, a credere alla loro richiesta di aiuto, a dare una parola di conforto e, quando possibile, a trovar loro una sistemazione non temporanea. Collegata all’Ostello c’è la Mensa che, oltre agli ospiti accolti per la notte, offre 500 pasti ogni sera a quanti  si trovano in difficoltà e sono segnalati dai centri di ascolto parrocchiali e dai servizi municipali.  (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform