direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il 10 dicembre la presentazione delle linee di indirizzo per il contrasto alla grave emarginazione degli adulti in Italia

POLITICHE SOCIALI

Al Cnel anche la presentazione della seconda indagine sui senza fissa dimora. Sarà presente il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti

 

ROMA – Saranno presentate giovedì 10 dicembre presso il Parlamentino del Cnel a Roma le linee di indirizzo per il contrasto alla grave emarginazione degli adulti in Italia, recentemente approvate dalla Conferenza Unificata per la messa in campo di una serie di interventi capillarmente diffusi destinati alle persone in stato di grave marginalità. Nel corso dell’iniziativa saranno illustrati anche i dati di un’indagine sui senza fissa dimora realizzata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali insieme a Istat e alla Federazione Italiana degli Organismi per le Persone senza Dimora (Fio. PSD) a 36 mesi dalla prima analisi sul tema, che ha fornito un quadro approfondito sul fenomeno e sul sistema di servizi, formali e informali messi in campo per farvi fronte. Una nuova rilevazione che aggiorna l’analisi già compiuta approfondendone alcuni aspetti inediti.

Le Linee di indirizzo, che saranno promosse e diffuse a livello nazionale, intendono qualificare gli interventi per le persone in grave marginalità attraverso indicazioni unitarie che raccolgono le migliori esperienze locali, nazionali ed europee. Frutto di un lavoro condiviso con i rappresentanti dei diversi livelli di governo e, in particolare, delle città metropolitane, il documento è il risultato di un confronto che nasce dal basso, dalle attività dei servizi e dall’animazione dei territori, realizzato con la collaborazione della Fio. PSD.

Per il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti si tratta di “un altro importante tassello al Piano Nazionale per il contrasto della povertà. In questo caso, in particolare, per coloro che vivono in povertà estrema e senza dimora”. “La grave marginalità adulta – spiega Poletti – è un fenomeno sociale complesso, dinamico e multiforme che richiede interventi su più fronti e l’integrazione di professionalità specifiche. È determinante in questo senso il potenziamento della rete dei servizi, la collaborazione con il terzo settore e la sperimentazione di modelli innovativi di intervento”.

Le linee guida, che adottano, in particolare, un approccio orientato al cosiddetto Housing First!, costituiranno anche il riferimento per formulare proposte progettuali che potranno essere finanziate nei prossimi anni a valere sul PON inclusione e sul Programma relativo al Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD). Le proposte saranno principalmente a cura delle grandi città, in cui il fenomeno è particolarmente concentrato. “L’Europa ha scommesso su questo obiettivo e ci sollecita a intervenire con strategie integrate. Le risorse ci sono: complessivamente, almeno 100 milioni di euro nei prossimi sette anni, finanziati dai due programmi operativi di cui il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali è titolare – ha aggiunto Poletti, annunciando la sua presenza all’iniziativa del 10 dicembre. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform