direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Giuseppe “Joseph” Bernabeo, morto coraggiosamente in Francia nel corso della “Grande Guerra”, era abruzzese

STORIE DI ENIGRAZIONE

Nacque a Salle (PE) nel 1893

 

PESCARA – Giuseppe “Joseph” Bernabeo nacque, il 13 maggio 1893, in Via del Salvatore da Adamo e Vincenza di Russo entrambi contadini. L’atto fu registrato, al n.31, dinanzi all’allora Sindaco Battista Mari. Un fratello, Salvatore, era già emigrato per gli Stati Uniti e con una lettera gli fece arrivare il denaro necessario perché lo raggiungesse. Giuseppe lasciò a malincuore la sua terra e i suoi affetti perché era necessario viste le umili condizioni economiche. Così qualche tempo dopo sbarcò ad “Ellis Island”. Raggiunse il fratello ed altri della famiglia a Shelton, Contea di Fairfield, in Connecticut. Qui trovò lavoro, come “tessitore-tappezziere”, nella Sidney Blumenthal Company. Lavoro pesante ma almeno ben remunerato. Anche se Giuseppe, diversamente dagli altri, sognava costantemente di tornare nel suo Abruzzo.

La vita scorreva serena quando, purtroppo, in Europa scoppiò la Prima Guerra Mondiale. Fu inquadrato nel 18 Fanteria, Compagnia K, Divisione 1. La sua “Compagnia K” combatté, in Francia, alcune delle più cruenti battaglie: la prima battaglia dell’Aise, la prima battaglia Ypres, la battaglia di Verdun, la battaglia della Somme, la seconda della Marna ed infine l’offensiva della Meuse-Argonne. Le imprese di questi uomini ispirarono lo scrittore William March per il suo libro di grande successo “Company K”.

L’8 ottobre del 1918 durante l’attacco ad un avamposto nemico, Giuseppe Bernabeo si era offerto volontario, fu colpito a morte. Per identificarlo, era stato colpito al volto, fu utile la piastrina con il suo n. 2886389. La notizia, negli Stati Uniti, fu comunicata al fratello Salvatore a cui, successivamente, consegnarono, la “Purple Heart” alla memoria di Giuseppe. La “Purple Heart” è la decorazione delle forze armate statunitensi assegnata in nome del Presidente degli Stati Uniti ai caduti in guerra. Giuseppe “Joseph” fu seppellito nel cimitero “Meuse-Argonne American Cemetery” nel comune francese Romagne-sous-Montfaucon nel Dipartimento de la Meuse Lorraine. Ancora oggi , nel più grande cimitero militare americano d’Europa, riposa quel ragazzo che sognava di tornare a Salle. Oggi, almeno con il ricordo, ce lo riportiamo noi. (Geremia Mancini* – Inform)

*Presidente onorario “Ambasciatori della fame”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform