direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Giugno Antoniano 2020, record di contatti social, web e tv. Oltre 900mila di “devoti virtuali” da tutto il mondo per le dirette del 13 giugno

EVENTI

Il bilancio degli eventi culturali e della lunga maratona tivù e web della Solennità del Santo

 

Al Santo quasi 28mila devoti “dal vivo” durante la Tredicina e la festa di sant’Antonio

 

PADOVA –  Si è chiuso domenica sera in Basilica del Santo a Padova con il concerto dei Solisti Veneti, diretti dal maestro Giuliano Carella con la partecipazione del celebre flautista Roberto Fabbriciani, il Giugno Antoniano 2020. Una rassegna che, dovendo tenere conto delle disposizioni restrittive per il contenimento della pandemia di Covid19, quest’anno ha aggiunto nuove modalità di fruizione rispetto al passato, principalmente via tivù, web e social. Una decisione, questa, che non ha lesinato emozioni ai pellegrini in presenza e on line, e ha ottenuto cifre da record per ascolti e visualizzazioni.

Sono stati 923.902 gli spettatori virtuali totali che il 13 giugno hanno seguito la lunga diretta: 554.917 followers sulla pagina Facebook “Sant’

Antonio – I frati della Basilica” e 368.985 su Rete Veneta del Gruppo Medianordest. La diretta è stata multicanale, integrando le diverse piattaforme messe in campo: emittente televisiva, sito web della Basilica del Santo Santantonio.org, sito dedicato alla Solennità del Santo 13giugno.org, canale Youtube “Messaggero di sant’Antonio” , pagina Facebook “Sant’Antonio di Padova-I frati della Basilica”.

L’evento del 13 giugno in diretta è stato seguito online sul canale YouTube del Messaggero oltre che dall’Italia, anche da India, Stati Uniti, Brasile, Germania, Australia, Francia, Romania, Polonia, Regno Unito, Canada, Svizzera, Messico, Spagna, Argentina, Belgio, Malta, Cile, Paesi Bassi, Colombia, Filippine, Portogallo, Albania. Una speciale messa in onore di sant’Antonio è stata trasmessa il 13 giugno anche dai principali network televisivi religiosi di USA e Canada.

A commuovere di più è stato il momento nel quale il Santo, a bordo dell’elicottero militare messo a disposizione dal Comando Forze Operative Nord dell’Esercito Italiano, ha portato la sua benedizione ai devoti della città di Padova e del territorio provinciale, specie nelle zone toccate più di altre dal Coronavirus, come Vo’ Euganeo, Merlara e Schiavonia.

I picchi delle visualizzazioni e interazioni si sono infatti avuti durante il volo dell’elicottero. Dalle mail e dai commenti è palese l’emozione che hanno generato le reliquie del Santo in volo, accompagnate dal rettore padre Oliviero Svanera e da monsignor Alberto Albertin, delegato vescovile per la Vita Consacrata, e portate in volo dagli “angeli in mimetica” del Comando Forze Operative Nord (il tenente colonnello Francesco Colucci, il capitano Emanuele Zoppini, il luogotenente Alessandro Zanot, il 1° maresciallo Fabio Leuzzi, il maggiore Luigino Teso e il caporalmaggiore capo Roberto Nola).

Numerosissimi sono stati i messaggi postati dai followers su Facebook e inviati tramite email, diversi anche i ringraziamenti per “aver portato a casa” dei devoti la Festa di Sant’Antonio, nell’impossibilità di molti di raggiungere fisicamente la “casa di Antonio” a Padova.

In molti hanno scelto di sostenere i progetti di solidarietà della Caritas Sant’Antonio, onlus dei frati della Basilica, che in occasione della Festa del Santo di quest’anno ha proposto una serie di progetti a sostegno delle famiglie in difficoltà a causa del Covid19 in varie regioni d’Italia.

Picchi di ascolti e visualizzazioni anche per gli eventi culturali del Giugno Antoniano. La sola prima tivù del documentario “Nel cuore del Santo”, realizzato dalla comunità francescana della Basilica del Santo, in collaborazione con la Veneranda Arca di Sant’Antonio, il Messaggero di Sant’Antonio e l’emittente Rete Veneta, ha avuto 133.745 telespettatori. Molti anche coloro che hanno seguito la replica. Oltre 190mila coloro che hanno seguito la diretta del 12 giugno, iniziata con la rievocazione-sacra rappresentazione del Transito di sant’Antonio dal santuario dell’Arcella e conclusa con il concerto di Antonella Ruggiero al Santo: 191.224 totali, di cui 58.128 attraverso il popolare social network e 133.096 su Rete Veneta.

In quasi 100mila (97.841) hanno seguito da casa in tivù o da pc e mobile il concerto dei Solisti Veneti di domenica scorsa (19.403 attraverso Facebook e 78.438 su Rete Veneta), mentre solo in 200 hanno potuto seguirlo dal vivo in Basilica del Santo in ottemperanza alle norme antiassembramento.

Quasi 28mila infine i devoti che hanno frequentato la Basilica durante la Tredicina e la Solennità del Santo, seguendo i percorsi differenziati individuati dall’organizzazione per rispettare le norme anti-covid. La pandemia ha segnato questo inedito, e per certi aspetti sorprendente nel risultato finale, Giugno Antoniano, proiettando sempre più la devozione antoniana nel mondo dei social.

Il Giugno Antoniano 2020 è organizzato da Comune di Padova, Pontificia Basilica del Santo, Provincia di S. Antonio di Padova Frati Minori Conventuali, Diocesi di Padova, Veneranda Arca di S. Antonio, Messaggero di sant’Antonio Editrice, Arciconfraternita di Sant’Antonio, Centro Studi Antoniani, con la collaborazione di Ordine Francescano Secolare di Padova, Associazione Corsia del Santo – Placido Cortese, Associazione Palio Arcella.

La realizzazione della manifestazione è possibile grazie al contributo di Fondazione Cariparo (Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo), Fondazione Antonveneta – Banca Monte dei Paschi di Siena e Camera di Commercio di Padova. Il Giugno Antoniano 2020 ha inoltre il patrocinio di Provincia di Padova, Comune di Camposampiero (Padova) e Comune di Anguillara Veneta (Padova). La media partnership è in collaborazione con «Messaggero di sant’Antonio», «Messaggero dei Ragazzi» e Rete Veneta del Gruppo Medianordest.  (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform