direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Giubileo 2025, “In cammino- Abbazie d’Europa”: nona tappa,  Fulda.  “Radici” la parola declinata (9 luglio)

VIAGGIO NELLE ABBAZIE EUROPEE

Convegno “De Cultura Hortorum”, incontro con i Padri Francescani e concerto dedicato a Santa Ildegarda

 

FULDA – Nello stupendo scenario di Fulda, città tedesca al cui centro si ergeva la grande Abbazia benedettina fondata nell’VIII secolo da San Sturmio – discepolo di San Bonifacio – e dissolta agli albori del XIX secolo, prenderà il via domani 9 luglio  la nona tappa di “Giubileo 2025 – In cammino – Abbazie d’Europa”. La parola che accompagnerà questa tappa è: “Radici”. Domani si inizierà alle ore 9 con la visita all’Hortulus di Walahfrid Strabo ricreato dalle suore benedettine nel giardino dell’Abbazia di Santa Maria. Toccherà poi, alle ore 10, al Duomo del Santissimo Salvatore, ex Chiesa abbaziale e oggi Cattedrale della Diocesi.  Sempre in mattinata, a partire dalle ore 11, si svolgerà il convegno – organizzato in collaborazione con la Theologischen Fakultät Fulda, Alte Bibliothek – dedicato al “Liber De Cultura Hortorum”, composto da Walahfrid Strabo in epoca carolingia. Strabo si formò proprio nell’Abbazia di Fulda – dove fu allievo di Rabano Mauro – e nel suo manoscritto descrive le piante ornamentali, officinali e alimentari coltivate nell’orto monastico, riportando non solo i richiami mitologici derivati dall’antichità classica ma le qualità terapeutiche di ogni pianta. Argomenti che saranno affrontati nel convegno, che partirà proprio da questi aspetti storici per approdare all’attualità scientifica dei rimedi naturali, della fitoterapia e della moderna biologia farmaceutica.

Il convegno sarà presieduto da Livia Pomodoro, ideatrice di “In cammino” e titolare della Cattedra Unesco “Food Systems for Sustainable Development and Social Inclusion” presso l’Università Statale di Milano. Dopo i saluti istituzionali di Massimo Darchini, Console Generale d’Italia a Francoforte, del Prof. Dr. Cornelius Roth – Rettore della Facoltà di Teologia di Fulda – e del Dr. Thomas Heiler, Magistrat der Stadt Fulda, Kulturamt, seguirà l’apertura dei lavori da parte della Dr. Alessandra Sorbello Staub, Bibliotheksdirektorin Theologische Fakultät di Fulda. Interventi dello storico e filologo Dr. Gereon Becht-Jördens e di Claudio Serafini, Direttore di Organic Cities Network Europe. Nel pomeriggio, alle ore 16, si terrà nel Kloster Frauenberg un incontro con il Rev. Padre Guardiano Cornelius Bohl ofm, dedicato sia alla spiritualità di Fulda, dalle origini ai nostri giorni, sia al rapporto di San Francesco e dei Francescani con la natura e l’ambiente. A conclusione della giornata, in collaborazione con la Città di Fulda prenderà il via alle ore 19, nella superba Fürstensaal dello Stadtschloss, l’esibizione degli allievi della Musikschule der Stadt Fulda con un repertorio che spazierà da Chopin e Liszt a Cardoso e Piazzolla. A seguire il recital in tedesco dell’attrice Simonetta Solder, che presenterà i componimenti poetici di Santa Ildegarda di Bingen, accompagnata dall’ensemble VocaMe che eseguirà liriche e musiche del XII secolo composte dalla stessa Ildegarda. “Fulda è una città che incanta – ha sottolineato Livia Pomodoro, Presidente dello Spazio Teatro No’hma di Milano. – Un luogo in cui, malgrado la sua scomparsa materiale, si avverte ancora il respiro spirituale emanato dalla grande Abbazia, che ha visto tra le sue mura la presenza di Walahfrid Strabo e Rabano Mauro, riuscendo a tenere vivi e a tramandare nei secoli i loro insegnamenti. Un sapere che è ancora oggi alla base della cultura umanistica europea”.

“In cammino – Abbazie d’Europa” è la speciale rassegna ideata e promossa da Livia Pomodoro che dal 2023 al 2025, anno del Giubileo, attraverserà l’Europa toccando 7 nazioni (Inghilterra, Francia, Germania, Olanda, Belgio, Svizzera, Italia) e 14 tra le più prestigiose Abbazie del continente, molte delle quali patrimonio Unesco. Dopo le prime 4 tappe del 2023, che hanno visto il  progetto toccare Canterbury, punto di origine della Via Francigena, l’Abbazia di Chiaravalle a Milano, il distretto abbaziale e la Biblioteca di San Gallo in Svizzera, per chiudere l’anno con la Certosa di Padula a Salerno, il primo appuntamento del 2024 è stato in Germania, con la quinta tappa: l’Abbazia di Plankstetten. Sono poi seguite l’Abbazia di Scourmont (Chimay) e quella di Orval, sesta e settima tappa in Belgio. Il 2 luglio è stata la volta dell’ottava tappa, l’Abbazia di Chiaravalle della Colomba ad Alseno, Piacenza. In ognuno dei tre anni “In cammino” ripercorre le tre principali esperienze del viaggio: partire (2023), transitare (2024), arrivare (2025). In ogni singola tappa viene proposta, in collaborazione con l’Istituto Treccani, una parola che orienta le attività del format di ogni incontro. A Canterbury la parola selezionata era “Pellegrinaggio”, a Chiaravalle Milanese “Spiritualità”, a San Gallo “Silenzio”, a Padula “Bellezza”, a Plankstetten “Terra”, a Scourmont e Orval “Acqua”, a Chiaravalle della Colomba “Cibo”.

Un pellegrinaggio tradotto in chiave moderna che ha come meta questi luoghi simbolo della storia e della spiritualità europea, terminando il proprio percorso a Roma in occasione dell’Anno Santo. In ogni Abbazia, oltre a portare spettacoli, performances artistiche e concerti ad hoc basati sulla storia, la vocazione spirituale e il patrimonio culturale presente in questi edifici millenari ma ancora oggi punti di riferimento vitali per la comunità, si organizzano convegni, tavole rotonde e conferenze dedicate ai territori e alle loro eccellenze, prodotte sia con metodi tradizionali rispettosi della natura e dell’impatto ambientale che con moderne tecniche bio-sostenibili. “In cammino” è patrocinato dalla Commissione Europea ed è tra gli eventi selezionati da Mons. Rino Fisichella per il Giubileo 2025, il cui motto è “Pellegrini di Speranza”.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform