direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Giornata dei Lucani nel Mondo”: un modo per sentirsi uniti

ITALIANI ALL’ESTERO

ROMA – Una legge regionale della Basilicata del 1999, su un’intuizione dell’allora consigliere regionale Filippo Margiotta, ha fissato per il 22 maggio la “Giornata dei Lucani nel Mondo” che coincide proprio con la data di pubblicazione dello Statuto regionale della Basilicata. Per l’occasione è stato realizzato un breve filmato con racconti, storie e testimonianze di un legame tra gli emigrati lucani e la loro terra, a cura del Centro Studi di Lucani nel Mondo presieduto da Luigi Scaglione. I messaggi pervenuti sono quelli dello stesso Luigi Scaglione, di Eugenio Marino (Consigliere per le politiche dell’emigrazione del Ministro per il Sud Giuseppe Provenzano), di Salvatore Margiotta (Sottosegretario alle Infrastrutture) e del Segretario Generale del Cgie Michele Schiavone. Le testimonianze sono di Pierangelo Campodonico (Direttore del nascente Museo Italiano dell’Emigrazione), di Giuseppe Ticchio e Gerardo Pinto, rispettivamente dalla Svizzera e Argentina, di Giuseppe Sommario (Docente universitario). Infine, nel filmato realizzato da MI Produzioni, con il Coordinamento della giornalista Raffaela Bisceglia, il saluto di Ron Gagella.

E’ proprio Luigi Scaglione a richiamare l’attenzione sui concetti di immigrazione ed emigrazione, quanto mai attuali, ossia sulla mobilità dei popoli: tra questi, da sempre, spicca il popolo italiano con le diverse identità regionali. “Prendiamo esempio dall’emigrazione italiana e lucana, in modo particolare, per ricordare tutte le cose ben fatte come guida per il futuro: quelle che ci arrivano dall’estero sono testimonianze che meritano un impegno di ricerca e studio”, ha commentato Scaglione. Eugenio Marino, portando i saluti del Ministro Provenzano, ha espresso un pensiero per le tante associazioni di Lucani nel Mondo che continuano a mantenere un affetto storico e culturale con la propria terra d’origine. “E’ un legame che deve far parte del concetto di coesione territoriale, il quale non deve esaurirsi all’interno delle venti Regioni italiane e quindi tra nord e sud del Paese”, è stato il commento di Marino. Salvatore Margiotta ha ricordato quanti portano con orgoglio il distintivo di Lucani nel Mondo: “a maggior ragione in questo momento difficile in cui il nostro Paese è piegato”. Michele Schiavone ha sottolineato come in questa giornata il Cgie sia felice di inviare un messaggio di pace, amicizia e resilienza. “Per questi nostri connazionali, che vivono oltre confine, la sfida sarà difficile ma sarà vinta grazie all’impegno comune e ai progetti in grado di dare risalto ad attività civili, economiche e sociali che vedono protagonisti i Lucani nel Mondo. E’ il momento delle idee e delle proposte per promuovere l’Italia e la Lucania: attraverso la cultura, il sapere e il Vivere all’Italiana, dove siamo stati sempre un modello per gli altri”, ha rilevato Schiavone.

Pierangelo Campodonico ha evidenziato come “proprio nei momenti di maggiore difficoltà, quale quello attuale, avere un patrimonio culturale e di memorie collettive è una grande forza in più”. Giuseppe Ticchio ha auspicato nell’immediato futuro il raggiungimento di tre obiettivi: il programma annuale 2019, il ripristino dei contributi per il turismo di ritorno, il varo di una legge regionale per le agevolazioni fiscali per i Lucani nel Mondo iscritti all’Aire. Gerardo Pinto (Cgie) ha ricordato che festeggiare questa giornata significa tre cose molto importanti: “emozione, orgoglio e ringraziamento”. Ha quindi inserito queste tre parole nel contesto di obiettivi sociali e culturali da raggiungere. Giuseppe Sommario ha voluto menzionare le tappe in Basilicata del Piccolo Festival delle Spartenze, dalla vicina Calabria: “una vicinanza non solo territoriale ma anche affettiva, sentimentale e progettuale”. In occasione di questa giornata, il Presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala, ha inviato un messaggio alle associazioni e alle federazioni dei lucani che operano nelle altre regioni italiane e in numerosi Paesi del mondo. “Siete la dimostrazione effettiva di quanto le origini e le tradizioni siano un tassello indispensabile per la crescita delle nuove generazioni all’estero”, ha dichiarato Cicala. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform