direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Giappone , visita a Hiroshima del console generale a Osaka Prencipe

RETE CONSOLARE

 

OSAKA – Il console generale d’Italia a Osaka Marco Prencipe ha effettuato una visita a Hiroshima, città simbolo mondiale della lotta alle armi nucleari.

Dopo la visita all’Hiroshima Peace Memorial, il console Prencipe ha deposto una corona di fiori al Peace Memorial Park, parco cittadino istituito per commemorare le vittime del bombardamento atomico, come simbolo di pace permanente nell’area vicino all’ipocentro dove venne sganciata la prima bomba atomica nella storia dell’umanità il 6 agosto 1945.

Nell’incontro con il sindaco di Hiroshima, Kazumi Matsui, sono state discusse possibili iniziative di collaborazione in ambito culturale tra Hiroshima e città italiane, nonché le modalità per il consolidamento di un network di città accomunate dall’obiettivo di sensibilizzare la comunità internazionale sui rischi collegati all’uso di armi nucleari.

Il console generale ha tenuto infine a felicitarsi con il sindaco per la scelta dì Hiroshima quale sede per il prossimo Vertice G7 che si terrà nel 2023.

Il console generale Prencipe ha inoltre presenziato alla cerimonia di celebrazione del ventesimo anno di attività di M-Auto Hiroshima, distributore di auto Ferrari.

Nel suo intervento, il console generale ha evidenziato come l’iconico brand italiano, noto in tutto il mondo, simboleggi in modo esemplare il Made in Italy, un connubio perfetto di design, tecnologia, innovazione, cementato da una grande passione e eccellenti capacità imprenditoriali.

Il console generale ha tenuto poi a felicitarsi con il management di Ferrari per gli importanti risultati di vendite raggiunti nella parte occidentale del Giappone, dove risiede il maggior numero di clienti Ferrari dell’intero Paese. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform