direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Gianni Farina (Pd) ricorda nell’Aula della Camera la Giornata del sacrificio del lavoro italiano nel mondo

MARCINELLE
Gianni Farina (Pd) ricorda nell’Aula della Camera la Giornata del sacrificio del lavoro italiano nel mondo
“Siamo rimasti a Marcinelle, a La Louviére e altrove per costruire l’Europa che sta nei nostri cuori”
ROMA – Il deputato del Pd Gianni Farina, eletto nella ripartizione Europa, è intervenuto ieri nell’Aula di Montecitorio per commemorare la Giornata del sacrificio e del lavoro degli italiani nel mondo. 
“L’emigrazione – ha affermato Farina dopo aver ricordato le celebrazioni in corso a Marcinelle con il Presidente della Camera dei Deputati Boldrini, – esiste dagli albori dell’umanità. Siamo i popoli della terra, ed è nella nostra natura scoprirla, conoscerla, arrestarsi là ove pensiamo di aver trovato un approdo sicuro per dare risposte ad una speranza. Come per tanti popoli, i figli della terra italiana sono partiti non tanto per scoprire il mondo o per arricchirsi, ma per carpire la speranza di un avvenire più giusto e umano. Storia italiana. Di una patria antica che cercava la via maestra dell’unità dei tanti suoi popoli. E della sua storia moderna, in quel dopoguerra in cui l’Italia, riscattato il tricolore dalla vergogna totalitaria, cercava la via del riscatto nel contesto dei popoli e delle nazioni.È fissato nella nostra memoria – ha continuato Farina – l’esodo di massa, la diaspora di un popolo in viaggio sui mari o dentro quei treni affollati da una umanità disperata e sconfitta. Oltre le Alpi verso una meta. Per arrestarsi nella Confederazione degli elvezi, i soli miracolati dalla tragedia della guerra, nelle terre dei germani e dei galli, o più su, in Vallonia, a scavare il grisù nel profondo della terra per qualche chilo di carbone, la linfa vitale alla ricostruzione della nazione. Un lavoro massacrante, inumano, in cui il diritto era racchiuso in una sola speranza: poter ogni giorno risalire cercando tra il grigiore del nord un debole raggio di sole che lo riallacciasse per un attimo alla sua terra ove era solito salire sulla vetta della grande montagna d’Abruzzo per scrutare all’orizzonte i due mari. Raccontava – ricorda poi il deputato del Pd – un sopravvissuto alla morte nel fondo del pozzo infernale di aver vissuto, da allora, con un senso di colpa verso i 262 minatori di ogni credo e nazionalità periti laggiù tra i quali i 136 italiani, i ventidue di Manoppello in Abruzzo, il villaggio che pagò il sacrificio più grande. E nessuno ha mai raccontato la sorte dei cavalli portati nel fondo del pozzo a trainare il grisù per non più risalire. ‘Scendendo, disse il vecchio, li guardavo negli occhi pensando che loro sapessero della loro condanna, di scendere per non più ritornare al tepore del maniero, alla stalla’. 
Eravamo – ha precisato Farina – isolati, offesi, umiliati nella nostra dignità: braccia di lavoro e nulla più, come affermò il grande intellettuale svizzero, Max Frisch. Da quella tragedia qualcosa migliorò, maggiore attenzione alla sicurezza, turni meno massacranti di lavoro, migliore protezione contro la polvere sottile che accerchiava i polmoni in un abbraccio mortale, e la diaspora italiana iniziò, da allora, il lungo cammino sulla strada della convivenza e della solidarietà tra i diversi. Eppure, nessuno dei nostri migranti, nelle terre d’Europa e del mondo, ha mai accusato le comunità ospitanti d’essere malvagi, distanti e sospettosi. È successo. Succede. La sorte dei popoli che non si conoscono e che devono, pazientemente, apprendere la ricchezza dell’incontro per vivere e progredire assieme. Tuttavia, ogni popolo, è scritto nella storia dei secoli e dei millenni, prima o poi ci arriverà”.
“Ricordo sempre – continua il deputato del Pd – le straordinarie frasi di Junot Diaz, lo scrittore americano immigrato da Santo Domingo, che riassumono il decorso storico di quella grande nazione con una splendida frase: ‘L’America è una strana nazione di immigrati che pretende il contrario senza rendersi conto della ricchezza sua nata dall’incontro e dall’abbraccio’. Gli Stati Uniti, innanzitutto, indiani, irlandesi, scozzesi inglesi, africani con i collari d’acciaio a soffocare la carne e lo spirito, italiani, cinesi e chissà quanti ancora. La melange che creò una nazione. È la sfida nostra, di un popolo emigrato che difende la memoria, le sue radici e costruisce l’unità. Possiamo guardare al di là dell’oceano, alla storia multi centenaria del suo popolo, ferocemente, indubitabilmente, americano. Americano, anche se il figlio dell’irlandese festeggia ancora San Patrizio a Chicago, i ragazzi e le ragazze cinesi preparano con amore il loro anno asiatico a Chinatown, e i discendenti italiani profumano il palato con i leggendari spaghetti tra una parlata e l’altra del dialetto palermitano o napoletano. Hanno creato assieme una grande nazione, partendo dalle nostre stesse ragioni: il lavoro e un migliore avvenire per i loro figli. Hanno costruito un paese possente e unito, talmente unito che il loro presidente è assurto dalla comunità nera, quella che non scelse di partire verso il nuovo mondo ma fu costretta dalla forza, dallo schiavismo assassino e disumano. Sono riusciti a costruirlo laggiù. Possiamo ripeterlo noi con l’Unione, nelle terre della vecchia Europa”.
“Raccogliendo l’appello del presidente della repubblica, Giorgio Napolitano, celebrammo, due anni or sono, – ricorda poi Farina- il 150° dell’Unità d’Italia. Ovunque, nelle grandi città, come nei più piccoli villaggi, un pubblico attento e appassionato. Commovente per la ricchezza e la varietà di esperienze storiche e umane. L’unità d’Italia dei sentimenti e delle ragioni. La realtà di un mondo italiano che ha saputo difendere i valori della patria italiana unendoli, nell’abbraccio, alle nuove tradizioni storiche e umane. Una mescolanza di storie vissute che sono esempio e ammonimento per tutti, anche e soprattutto per noi, oggi, in Italia per i milioni di immigrati che vivono quaggiù a cui va riservato il diritto ad essere cittadini nei diritti e nei doveri di una nuova patria. E tanti ragazze e ragazzi, i nipoti di quegli eroi del lavoro a cui il destino ha indicato la strada: cittadini italiani, cittadini d’Europa, costruttori di una Unione fondata sulla pari dignità dei diversi e solidali. Alcuni di loro sono qui tra noi nel tempio della sovranità popolare a portare un messaggio forte, la ricchezza dei diversi, i colori dell’universalità, la forza dei saperi, per fare l’Italia ancora più bella, più uguale, più libera uno straordinario e spesso inutilizzato patrimonio italiano. Il Mahatma Gandhi, l’apostolo della non violenza, affermava che la ‘regola d’oro della condotta di ognuno è la tolleranza reciproca. Ci permette di veder l’insieme della verità e ci fa tutti più ricchi e umani”.
“Il sacrificio italiano nel mondo, a Marcinelle come ovunque, – conclude Farina- lo vorrei riassumere con le parole del sindaco di La Louvière accorso in quello storico 2011 a salutare i suoi cittadini di origine italiana. ‘Grazie, cari amici, per tutto quanto avete dato’ disse. ‘Vi è nella vostra voce, nell’animo di ognuno, il sole che a noi manca. Senza di voi a noi non resterebbe che la pioggia’. Siamo rimasti, caro sindaco, a Marcinelle, a La Louviére come altrove, in questa nostra Europa e nel mondo. Siamo rimasti con il sole e con la pioggia per costruire l’Europa che sta nei nostri cuori. Per rendere onore alle vittime di Marcinelle e perché il loro sacrificio non sia stato vano”. (Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform