direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Germania, nuovi coordinatori del Maie: Giuseppe Pino Fusaro  a Norimberga, Francesco Bruno a  Stoccarda, Franco Lucente a Esselingen

MOVIMENTI POLITICI

 

ROMA  – Il Movimento Associativo Italiani all’Estero informa che prosegue senza sosta il lavoro del segretario Maie Europa Francesco Patamia impegnato a creare una rete di contatti, conoscenze ed eccellenze tra gli italiani all’estero, in particolare, in Germania, Francia, Belgio e Svizzera.

La settimana scorsa, il segretario si è recato in Germania dove ha incontrato i candidati alla posizione di coordinatori locali Maie.

“Il processo di selezione è stato molto complesso” dichiara “ma posso ritenermi soddisfatto delle mie scelte, che sono ricadute su persone da sempre impegnate nel sociale e con un’importante esperienza imprenditoriale sul territorio”.

Il segretario Maie Europa, al momento, d’accordo con il coordinatore del Maie Europa, Ricky Filosa, ha proceduto a tre nomine: Giuseppe Pino  Fusaro, coordinatore Maie Norimberga; Francesco Bruno, coordinatore Maie Stoccarda; Franco Lucente, coordinatore Maie Esselingen.

Si tratta – sottolinea il Maie – di sedi strategiche dove la comunità italiana è molto numerosa e situate non molto lontano dal confine con altri Stati dell’Unione Europea come la Francia, il Lussemburgo e la Repubblica Ceca.

Il piano di rilancio del Movimento Associativo Italiani all’Estero ideato dal segretario Maie Europa Patamia si basa, infatti, sull’apertura di sedi dislocate sul territorio europeo destinate a fungere da collettori di istanze degli italiani all’estero, troppo spesso dimenticati dai Governi nazionali.

“Secondo l’ultimo rapporto AIRE, gli italiani nel mondo sono circa 5 milioni. Non è un numero irrisorio, dobbiamo pretendere che la nostra voce sia ascoltata. Noi del Maie vogliamo essere la voce dei tanti italiani sparsi nel mondo. Vogliamo offrire il nostro supporto al quotidiano lavoro delle Ambasciate e dei Consolati d’Italia, ma continueremo a batterci per avere servizi consolari degni di un grande Paese come l’Italia e per migliorare le condizioni di vita dei nostri connazionali”, conclude il segretario Patamia. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform