direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Fucsia Nissoli (PI) interviene in Aula a nome del suo gruppo sul recente attentato ad Ankara

CAMERA DEI DEPUTATI

“L’Italia deve attivarsi con tutti i canali diplomatici a disposizione per costruire la pace in quell’area del mondo”

 

ROMA – “L’attentato alla marcia pacifista di Ankara avvenuto sabato scorso e che ha causato una vera e propria strage con circa 95 morti e più di 200 feriti è uno dei più drammatici della storia recente turca, di una gravità inaudita che va condannato senza condizioni. Si tratta di un vero e proprio 11 settembre, che non deve e può lasciarci indifferenti sia sul piano umano che politico”. Lo ha dichiarato la deputata Fucsia Fitzgerald Nissoli (PI), eletto nella ripartizione America Settentrionale e Centrale, intervenendo, a nome del suo Gruppo parlamentare, nell’Aula di Montecitorio per commemorare le vittime della strage avvenuta in Turchia il 10 ottobre scorso.

“Siamo chiamati ad una riflessione profonda sul futuro geopolitico dell’area mediorientale e sulla stabilità turca, attore fondamentale in tale scacchiere”, ha sottolineato la deputata affermando che si deve  “fare il possibile affinché la Turchia, prossima al voto, non sia teatro di una escalation del terrore e spargimento di sangue, lavorando ad una pacificazione delle controversie interne anche sul piano internazionale per garantire stabilità alla regione”.

“Il terrore – ha detto la Nissoli –  mira proprio a creare confusione ed oggi vogliamo ripetere con il Presidente Mattarella la condanna “nella maniera  più risoluta” del “gesto vile e riprovevole che, nella sua barbara efferatezza, richiama l’urgenza di combattere uniti la piaga del terrorismo””.

“Gli attentatori – ha concluso Fucsia FitzGerald Nissoli – hanno seminato la morte tra le persone che manifestavano gioiosamente per la pace. Ecco! Quella pace che dobbiamo difendere sempre nel nostro agire politico! L’Italia, mentre esprimiamo il più profondo cordoglio ai parenti delle vittime e alla Turchia, deve, pertanto, attivarsi con tutti i canali diplomatici a disposizione per costruire la pace in quell’area del mondo”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform