direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Franco Santellocco (CGIE): Mediterraneo, una frontiera aperta

INTERVENTI

Franco Santellocco (CGIE): Mediterraneo, una frontiera aperta

C’è voluta una ecatombe per ricordare all’Italia ed all’Europa l’esistenza di una frontiera meridionale che attraversa il Mediterraneo.

E’ una frontiera che migliaia di disperati tentano di varcare ogni giorno per fuggire a fame, guerre, miseria, disprezzo dei più elementari diritti umani.

A fronte di tanta disperazione le Nazioni evolute devono mettere in atto ogni sforzo per far cessare questo esodo, per dare speranza ai diseredati nelle loro terre di origine.

E’ però indispensabile scendere in campo con risorse adeguate per sostenere un network internazionale per lo sviluppo delle piccole e medie imprese dell’area euro-mediterranea che, nonostante la crisi, hanno dato segni di vivacità e che occorre sostenere con convinzione e determinazione.

E’ questa la finalità principale della fondazione Centro Euro-Mediterraneo per le Pmi, vera e propria rete di sostegno tecnico e logistico per i piccoli e medi attori economici del Mediterraneo.

Questa struttura é stata presentata al ministro degli Esteri Emma Bonino ed è costituita dalla Camera di Commercio di Milano, dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero dello Sviluppo Economico con il Gruppo Unicredit e Banca Intesa Sanpaolo che hanno già annunciato la loro adesione in qualità di “sostenitori”.

Prende così forma e sostanza quella diplomazia economica tracciata dalla Farnesina e sostenuta dal Ministro Bonino per garantire servizi e strumenti di assistenza tecnica utili alla nascita di start-up imprenditoriali innovative e sostenibili, alla creazione di impiego, alla promozione della cooperazione economica e dello sviluppo e dell’internazionalizzazione tra le due sponde del mediterraneo.

Il Nord Africa si è presentato prepotentemente all’attenzione degli italiani come regione di partenza di migliaia di diseredati che rischiano ogni bene, anche la vita, sulle rotte della speranza.

Un’ora di aereo, sei ore di navigazione, eppure sembra che un oceano separi le due sponde.

Diffidenza, ignoranza e intolleranza verso il diverso agitano, sia pure inconsciamente, i sentimenti delle Nazioni verso cui si indirizzano i movimenti migratori.

Forse anche nel CGIE, dove la parola Nord Africa è talvolta sottolineata da un sorriso di sopportazione.

Le comunità italiane in Europa soprattutto, ma ovunque nel mondo, debbono essere sensibilizzate al dramma che ogni giorno si ripete nel Mediterraneo e prendere coscienza che soltanto creando condizioni di vita accettabili nei Paesi di origine potrà essere messa fine all’ecatombe in mare.

Uno sforzo comune è richiesto a tutte le Nazioni della sponda settentrionale del Mediterraneo per concorrere non soltanto alle politiche di accoglimento ma soprattutto a quelle di sviluppo.

“Non regalare del pesce, ma insegna loro a pescare” (Franco Santellocco* -Inform)

* Presidente Quinta Commissione CGIE “Cooperazione, Formazione, Lavoro, Impresa”, segretario generale dell’A.I.E.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform