direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Francia, a Strasburgo “Güle Güle”: Istanbul negli scatti di Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni

MOSTRE FOTOGRAFICHE

Fino al 30 gennaio  La Chambre una esposizione organizzata con il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura 

 

STRASBURGO  – La Chambre, centro espositivo e di formazione all’immagine nel cuore di Strasburgo (4 place d’Austerlitz),  ospita fino al prossimo 30 gennaio scatti di Istanbul degli artisti romani Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni. La mostra , dal titolo “Güle Güle” (Arrivederci, Arrivederci, in lingua turca), è organizzata con il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura.

Istanbul, megalopoli  turca in piena evoluzione, si presenta con mille volti, un mosaico che racconta la storia della città, i recenti sconvolgimenti politici e le diverse comunità che vi convivono. I due artisti Caimi e Piccinni hanno dedicato a Istanbul una parte del loro ultimo lavoro sulle città in continua trasformazione, dopo aver realizzato alcuni reportage su Roma e Napoli, con un progetto maturato in anni di collaborazione. Provenienti dal mondo del giornalismo e della musica il primo e dal mondo della storia dell’arte la seconda, il loro approccio è stato in un primo tempo sistematico e documentario, con indagini sul contesto sociale e politico del posto.

Sul posto, prevale l’incontro con gli abitanti: ogni fotografia testimonia di una relazione pazientemente elaborata, una ricerca di un legame umano e comprensivo. Riescono così a rivelare la complessità di queste città confrontate alla gentrificazione, l’emarginazione delle classi svantaggiate, la crescente discriminazione nei confronti degli omosessuali, gli arrivi massicci di profughi siriani, l’integrazione della comunità Curda… Il risultato è una narrazione non lineare, empatica e istintiva, dove le sfaccettature della società si intersecano in un balletto visuale poetico.

Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni vivono a Roma. Collaborano insieme dal 2013 e hanno prodotto diverse serie, che sono state pubblicate anche come libri. Si interessano a tematiche sociali contemporanee con particolare riguardo all’aspetto umano. Il loro lavoro è stato oggetto di numerose mostre, premi e recensioni nella stampa internazionale. L’esposizione “Güle Güle” è stata presentata alla Biennale für aktuelle Fotografie di Mannheim, ha vinto il premio PHMuseum 2020 (categoria mostre personali) nonché il premio Sony World Photography 2019 (categoria scoperta).

Ingresso libero alla mostra . Richiesto il pass sanitario. (Maggiori informazioni: https://www.la-chambre.org/expo/gule-gule/ ) (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform