direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Foligno, una messa per i “migranti che eravamo”

MEMORIA

 

 

FOLIGNO – All’ingresso della Biblioteca Multiculturale Mandela in Piazza San Giacomo a Foligno prima e sulla parete della Taverna del Mediterraneo poi, “avete trovato e troverete una croce di legno; è azzurra, un po’ sbiadita e rovinata. Quella è la Croce di Lampedusa, creata da un artigiano del posto dal legno dei barconi che hanno attraversato il Mediterraneo. A quelle assi migliaia di uomini donne e bambini hanno affidato la loro vita, le loro preghiere e le loro lacrime in fuga dalla sofferenza Ogni giorno la osserviamo, anche se di sfuggita, per ricordarci chi siamo e cosa stiamo facendo”.

Così una nota parla di questa iniziativa annunciando per domenica 20 dicembre alle ore 17 a Sant’Eraclio nel Santuario Madre del Buon Consiglio presso il Monastero di Santa Maria di Betlem, la celebrazione di una Messa di Natale dedicata ai migranti, officiata dal direttore della Migrantes di Foligno, mons. Filippucci e promossa dall’ufficio Migrantes, dalla Caritas Diocesana di Foligno e da “L’Arca del Mediterraneo”. “Il Natale come momento di riflessione sulle tragedie che l’uomo vive nonostante la modernità che quotidianamente ci circonda; la storia racconta gli italiani come un popolo migrante e per questo, e non solo, nel nostro animo dobbiamo riscoprire e dimostrare il seme della tolleranza, dell’empatia, del conforto per donarlo al prossimo che viene da paesi lontani ma che è vicino a noi nei gesti, tradizioni e sentimenti più di quanto possiamo superficialmente credere”, si legge nella nota sottolineando che “solamente coltivando e curando dentro di noi il seme della pace, possiamo costruire un domani migliore!”

La messa sarà un’occasione per avvicinarsi e conoscere queste realtà associative di persone che quotidianamente lavorano promuovendo “una fraterna accoglienza e una pacifica convivenza non tra italiani e stranieri, cristiani e musulmani, semplicemente tra esseri umani”. (Migrantes online/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform