direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Festival dell’Etica 2022, presentazione alla Camera dei Deputati del premio del design che si terrà il 10 novembre a Milano

EVENTI

(Fonte immagine Camera Deputati)

ROMA – E’ stato presentato alla Camera dei Deputati il Festival dell’Etica 2022, promosso dall’Associazione Culturale Plana insieme ad ADI (Associazione Disegno Industriale) e Fondazione Symbola, che si terrà il 10 novembre presso l’ADI Design Museum di Milano. A introdurre la conferenza stampa è stato Gianni Lattanzio (segretario generale Ambientevivo) che ha spiegato le ragioni della parola ‘etica’ associata a un evento. “Oggi sentiamo sempre più spesso parlare di sostenibilità e quindi è fondamentale che le trasformazioni che avvengono ad opera dell’uomo possano consentire di usufruire al meglio del ‘creato’ che abbiamo in eredità”, ha dichiarato Lattanzio che ha quindi parlato della necessaria creazione di sinergie tra formazione, giovani talenti, enti pubblici e privati. “Queste sinergie devono servire alla costruzione di un futuro sostenibile”, ha aggiunto Lattanzio. Il deputato del Pd, eletto nella ripartizione America Meridionale, Fabio Porta ha espresso soddisfazione per quanto fatto negli ultimi 40 anni dall’Associazione Plana nella promozione del Made in Italy. “Il valore del Made in Italy va al di là dei soliti aspetti formali e viene qui declinato per gli aspetti etici che rappresentano anche il nostro Paese, ossia tutti quegli aspetti della nostra cultura che ha nel design una punta di diamante a livello internazionale”, ha spiegato Porta. “L’innovazione industriale corre velocemente e tenere conto di aspetti legati a sostenibilità ed etica diviene una necessità. Il consumismo e il cambiamento degli stili di vita sta portando allo sfruttamento delle risorse naturali e questo aspetto va controllato per salvaguardare le nuove generazioni”, ha aggiunto Porta auspicando strategie di indipendenza energetica per far fronte all’attuale crisi. “Il Made in Italy è il cuore della proiezione internazionale del Paese”, ha concluso Porta invitando alla riflessione sull’importanza di ricostituire alla Camera un comitato che si occupi non solo della presenza italiana nel mondo ma anche di promozione del Made in Italy. Sergio Costa (presidente Associazione Culturale Plana e ideatore del Festival) ha ricordato che quanto alla fine degli anni ’70 ideò Plana mancava una cultura dell’arredamento e imperava la necessità di riempire le abitazioni di oggetti. “Quindi c’era difficoltà a spiegare al pubblico quale direzione prendere a seconda del tipo di abitazione”, ha spiegato Costa evidenziando come nel tempo il successo abbia portato l’idea innovatrice proposta da Plana ad essere appetibile in realtà come Ginevra e Tokyo ma anche in Paesi come Germania, Belgio e Francia. Fabrizio Citton (direttore editoriale Associazione Culturale Plana) ha rilevato come ‘Fascicolo’ sia il contenitore culturale del progetto etico-sostenibile di Plana. “Parlare di sostenibilità negli anni ’90 significava essere chiamati ‘ambientalisti’ e non essere tanto apprezzati, mentre oggi ci troviamo con questa parola spesso molto abusata di ‘sostenibilità’ che include anche un comportamento nell’agire”, ha spiegato Citton sottolineando il ruolo della collettività quando si parla di sostenibilità vista come rivoluzione per creare ricchezza anche nel nostro Paese. Marco Capellini (Matrec) ha ricordato come l’innovazione tecnologica abbia contraddistinto il design italiano. Aver saputo declinare gli aspetti etici a quelli formali e dell’innovazione è stata una scelta vincente”, ha commentato Capellini evidenziando l’importanza di questo premio del design che si terrà il 10 novembre. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform