direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Farnesina per le imprese”, intervento dell’Ambasciatore d’Italia in Serbia Lo Cascio sulle opportunità di investimento in Serbia

FARNESINA

Il podcast  realizzato dal Maeci in collaborazione con l’Agenzia Ansa

 

 

ROMA – In posizione strategica nella regione balcanica, la Serbia offre agli investitori una serie di vantaggi. Le aziende a capitale italiano sono circa 600 e spaziano dal settore automobilistico al manifatturiero, agroalimentare, sistema bancario e assicurativo. L’Italia è il secondo partner commerciale del Paese e sta aumentando la sua quota di esportazioni: beni agricoli ma anche innovazione, servizi digitali, sviluppo energetico e investimenti green. A parlarne è Carlo Lo Cascio, Ambasciatore d’Italia in Serbia, intervenuto a “Voci dalla Farnesina” il podcast   realizzato dal Maeci in collaborazione con l’Agenzia Ansa. “La pandemia ha messo a dura prova la tenuta delle economie nazionali ma ora è il momento di ripartire e la Serbia, da sempre crocevia fondamentale per gli scambi commerciali, offre numerose opportunità anche per la sua posizione strategica”, ha spiegato Lo Cascio ricordando altri vantaggi della Serbia come debito pubblico contenuto e inflazione bassa ma anche forza lavoro altamente qualificata. La stabilità della Serbia è garantita anche dai finanziamenti da parte dell’UE e dagli investimenti di USA, Cina, Russia e Paesi del Golfo. “Nel 2020 il Paese è riuscito a contenere la contrazione economica all’1% mentre per quest’anno il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al rialzo le stime di crescita passate al 6%”, ha aggiunto Lo Cascio ricordando che risultati altrettanto positivi sono stati conseguiti nella campagna vaccinale considerando che è il sesto Paese in Europa per dosi somministrate, con oltre il 33% della popolazione che ha completato il ciclo vaccinale. Sul piano bilaterale, tra Italia e Serbia la collaborazione è assai proficua e questo è dimostrato anche dalla presenza italiana nel Paese, con un interscambio attestatosi intorno ai 927 milioni di euro nel primo trimestre del 2021: nello stesso periodo l’export italiano in Serbia è cresciuto del 3,1% raggiungendo i 504 milioni di euro. C’è un comparto in particolare cui le autorità serbe guardano con grande attenzione ed è quello della transizione green: in questo settore è stato annunciato infatti dalla Serbia un boom di investimenti. Anche il processo di digitalizzazione è una priorità per l’economia serba. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform