direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Eritrea: appello per salvare la Scuola italiana

LINGUA E CULTURA ITALIANA

ROMA  – “La chiusura della Scuola statale italiana ad Asmara è un pericolo da scongiurare a ogni costo; per decenni questo istituto ha preparato geometri, ingegneri, la classe dirigente del Paese”: è l’appello che arriva, all’agenzia Dire, da p. Vitale Vitali, 45 anni di missioni nel Corno d’Africa, su una revoca della licenza comunicata dal governo eritreo. “Quella della Scuola è un’esperienza fondamentale” sottolinea il religioso appartenente alla Congregazione dei Pavoniani, una congregazione che opera in Eritrea dal 1969 e resta oggi custode nella capitale di una biblioteca di riferimento, con decine di migliaia testi di antropologia, linguistica, storia e memoria giornalistica. “Con le sue elementari, le medie e le superiori, l’istituto ha preparato, emancipato e sostenuto generazioni di eritrei, compresi futuri dirigenti e figli di ministri” sottolinea padre Vitali: “bisogna fare grande attenzione e intervenire subito anche perché ad Asmara a volte si fanno annunci per valutare le reazioni che producono”. Difficile per ora capire le ragioni dietro la comunicazione di revoca. La decisione si affiancherebbe al ritiro di Asmara da un accordo tecnico bilaterale che prevede l’istituzione di un organismo di gestione congiunta, composto da rappresentanti italiani ed eritrei. La revoca della licenza, un permesso necessario perché la Scuola possa continuare l’attività educativa e culturale avviata nel 1935, in periodo coloniale, ha suscitato l’allarme anche di insegnanti e formatori. Secondo l’associazione professionale e sindacale Anief, la decisione colpisce “una tessera fondamentale delle relazioni diplomatico-culturali” tra Italia ed Eritrea.(Migrantes online /Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform