direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Enti locali, attori chiave nello scenario mondiale

AICCRE

A Barcellona l’ufficio di presidenza della UCLG, l’organizzazione mondiale degli enti locali e regionali. Presenti Stefano Bonaccini e Carla Rey, presidente e segretario generale dell’AICCRE

 

ROMA – Si è svolto nei giorni scorsi a Barcellona l’ufficio di presidenza della UCLG (United Cities and Local Governments), l’organizzazione mondiale degli enti locali e regionali, della quale il CCRE è la sezione europea.  Presenti, tra gli altri, Stefano Bonaccini, presidente del CCRE e dell’AICCRE e Carla Rey, segretario generale dell’AICCRE (Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa. Molti i punti all’ordine del giorno, legati da un filo conduttore: nei prossimi anni UCLG dovrà rinnovarsi per essere in grado di sostenere gli enti locali e regionali nell’ attuare l’impegno di Bogotà e di influenzare le agende globali.  Le città sono diventate potenziali attori chiave nelle agende globali e sono state al centro delle discussioni della comunità internazionale, in particolare nel processo decisionale in seno alle Nazioni Unite, e cioè: l’Agenda per lo Sviluppo 2030, l’Accordo sul Clima di Parigi, l’Agenda per il finanziamento allo sviluppo di Addis Abeba, l’Agenda per la riduzione del rischio e l’Agenda New Urban – Habitat III.

Nel suo discorso, Bonaccini ha tra l’altro sottolineato la necessità di non dimenticare il tema delle migrazioni, così sentito in Italia, come in Spagna ed in Grecia, Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ma più in generale da tutta Europa. Tema che è divenuto materia di competizioni elettorali. Da un lato dobbiamo garantire diritti, accoglienza ed integrazione a coloro che fuggono da fame, guerre e disperazione, ma serve un approccio comune per evitare che solo alcuni Paesi accolgano i migranti o investano sulla cooperazione internazionale. Anche perché, ha concluso Bonaccini, con preoccupazione vediamo nascere nuovi muri mentre dovremmo costruire ponti. (Pino D’Andrea, Aiccre /Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform