direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Emma Bonino: Mutilazioni genitali femminili, far applicare la Risoluzione Onu

DIRITTI UMANI

Conferenza internazionale a Roma promossa da Unfpa, Ministero Esteri, Unicef, Aidos

Emma Bonino: Mutilazioni genitali femminili, far applicare la Risoluzione Onu

“L’Italia continuerà la battaglia con responsabilità”. Unfpa: Con trend attuale a rischio 30 milioni di bambine nei prossimi 10 anni. L’esempio del Burkina Faso: invertire la rotta è possibile

 

ROMA – La base da cui partire è la risoluzione Onu 67/146, approvata nel dicembre del 2012. L’obiettivo è rendere vigente e omogenea la sua applicazione, ponendo così fine all’orribile pratica delle mutilazioni genitali femminili (Mgf). Sono questi i due grandi pilastri entro i quali va inquadrata la Conferenza internazionale “Action to achieve commitments in UNGA Resolution 67/146. Intensifyng global efforts for the elimination of female genital mutilations” organizzata a Roma dall’United Nations Population Fund (UNFPA) in collaborazione con il Ministero degli Esteri, l’United Nations International Children Emergency Fund (UNICEF) e l’Associazione Italiana donne per lo sviluppo (AIDOS).

Ad aprire la conferenza è stato il ministro degli Esteri Emma Bonino, da anni in prima linea per il bando delle mutilazioni genitali femminili. “La risoluzione dà un messaggio globale che ora dobbiamo applicare”, è stato l’invito lanciato dal ministro dall’Auditorium Parco della Musica, che ospita l’iniziativa.

La conferenza arriva in un momento cruciale per la battaglia alle Mutilazioni genitali femminili. Una battaglia che, ha spiegato il ministro Bonino, ora deve concentrarsi su quattro direttrici: stimolare gli Stati a soddisfare gli impegni presi nella risoluzione; adottare strutture normative e politiche per la parità di genere; creare partnership e risposte multi-settoriali, trovare risorse aggiuntive per istituzioni e Ong. L’Italia, da parte sua, ha stanziato 8 milioni di euro dal 2008 per il Programma congiunto UNFPA-UNICEF sulle mutilazioni genitali femminili. E, nonostante la delicata congiuntura economica, il Governo non intende attenuare il proprio sostegno. L’Italia “ha affrontato questa battaglia con responsabilità e intende continuare a farlo”, ha rimarcato la titolare della Farnesina invitando la società civile ad aiutare il Paese a mantenere il proprio sostegno per il bando della pratica. Anche perché, oggi l’Italia “vive in un periodo difficile per la crisi economica e mantenere gli impegni non è facile neanche davanti l’opinione pubblica”, ha ricordato il ministro ribadendo al tempo stesso come quella contro le Mgf sia una battaglia per i diritti umani “che non ha frontiere”. Una battaglia per la quale il capo della diplomazia italiana intende mettere anche il suo “personale impegno di attivista di lungo corso”.

Quella delle Mgf è infatti una minaccia che ancora incombe su una vasta gamma di donne in tutto il mondo. Secondo quanto evidenziato dall’UNFPA oltre 125 milioni di donne sono state mutilate in più di 80 Paesi in Africa e Medio oriente e si calcola che, entro dieci anni, a rischiare di subire questa pratica siano circa 30 milioni di ragazze, se il trend attuale continua. L’obiettivo da perseguire, secondo l’UNFPA, è di aumentare del 10% annuo il tasso di abbandono di questa pratica, rispetto all’1% attuale, e per questo occorre che la comunità internazionale raddoppi gli sforzi. Anche perché la tendenza si può invertire e negli ultimi anni qualcosa si è mossa perfino nelle regioni con le più alte concentrazioni di Mgf. In 29 paesi dell’Africa e del Medio Oriente, oggi, le bambine hanno minori possibilità di essere mutilate rispetto a trent’anni fa mentre sono già dodici i Paesi che hanno promosso leggi in materia dopo la risoluzione Onu. Quaranta Stati, infine, hanno adottato leggi per penalizzare la pratica.

Insomma, il percorso è lungo ma non impossibile e a testimoniarlo a Roma è arrivata, Chantal Campaoré, first lady del  Burkina Faso che, grazie anche alla sinergia con l’Ong, ha già invertito la rotta. Ora l’esempio burkinabé può fare da apripista in un continente complesso come l’Africa. E il momento potrebbe essere quello giusto. Questo è un “anno di rinascimento culturale per noi” e “le cattive pratiche da abolire sono in cima alla lista”, è la promessa del commissario per gli Affari Sociali dell’Unione Africana Mustapha Kaloko.(Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform