direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Emergenza Coronavirus, task force e raccolta fondi per italiani in Sud Africa 

ITALIANI ALL’ESTERO

Rete di monitoraggio e assistenza messa in atto dai Comites in stretta collaborazione con Cgie, Ambasciata a Pretoria e Consolati a Johannesburg e Città del Capo

JOHANNESBURG – Emergenza Coronavirus: i Comites  del Sud Africa (Johannesburg, Pretoria e Città del Capo)   in stretta collaborazione con il Cgie e le Istituzioni italiane  – Ambasciata a Pretoria e Consolati  a Johannesburg e Città del Capo – hanno messo in atto “una rete di monitoraggio e assistenza, una  ‘Task Force’ fatta di volontari presenti su tutto il territorio nazionale e che agiscono sotto il Coordinamento dei Comites ed Istituzioni” e hanno attivato un conto corrente per donazioni da devolvere  a connazionali residenti in Sud Africa in condizioni di necessità.

“Sappiamo – si legge nel comunicato a firma di Salvatore Cristaudi, presidente del Comites di Johannesburg e coordinatore Intercomites del Sud Africa   – che già dal 26 marzo anche il Sud Africa ha dichiarato lo Stato di Emergenza, chiudendo scuole, trasporti pubblici, e quasi tutte le attivita` di ogni genere (tranne quelle di assoluta esigenza e gli spostamenti per causa di salute), bloccato tutti i voli per gli spostamenti locali ed internazionali, appunto per circoscrivere i focolai e ridurre al minimo i contagi fra persone fisiche ed evitare la pandemia.

 Il Governo Sudafricano ha poi emanato ulteriori misure di sicurezza (9 aprile 2020) a sostegno del  contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19,  applicabili sull’intero  territorio nazionale. Il provvedimento prevede ancora la chiusura delle attività produttive e non essenziali o strategiche fino a fine aprile 2020.

 Alla base di tutto ciò, abbiamo notato una crescita delle situazioni di indigenza di persone che ad oggi non hanno percepito lo stipendio e che potenzialmente non avranno più il lavoro perché  il lungo periodo di “Lock Down” avrà costretto tantissime piccole aziende a chiudere battenti. Inoltre non sappiamo se le stesse aziende in futuro saranno in condizioni di potere riassumere lo  stesso numero di personale per com’era prima dell’emergenza.

 Per tale ragione i Comites , il Cgie e le Istituzioni Italiane, hanno deciso di fare fronte unico per cercare di alleviare la sofferenza di coloro che in questo periodo e anche dopo avranno difficoltà  i approvvigionamento di beni di prima necessità.

Il Comites di Johannesburg (Sede del Coordinamento Inter-Comites –R.S.A.) in collaborazione con Il Comites di Città del Capo ed il Comites di Pretoria, e con gli auspici delle Istituzioni Italiane in  loco, per come previsto dalla Legge dei Comites, No. 286  del 2003, Art. 1 Comma 4,  ha aperto un conto corrente bancario dedicato a quest’emergenza. Lo scopo è appunto assicurare un sostegno economico alle persone direttamente colpite da questa emergenza a causa del coronavirus e ai loro familiari. Le spese saranno gestite con trasparenza e tracciabilità”, conclude Cristaudi invitando a “divulgare questo messaggio di solidarietà a tutta la rete comunitaria”.

Le donazioni possono essere effettuate tramite bonifico.

(Per le coordinate bancarie e recapiti utili si veda ambpretoria.esteri.it/ambasciata_pretoria/resource/doc/2020/04/conto_comunitario_emergenza_covid-19.pdf ). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform