direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Efasce: I corregionali all’estero tornano per raccontare attraverso l’arte la propria esperienza con il progetto “La città diffusa”

ASSOCIAZIONI

 

Opere di 7 artisti pordenonesi nel mondo in mostra dall’8 marzo al 4 aprile al Museo Civico d’Arte di Pordenone in collaborazione con il Liceo Artistico Galvani e il Comune

 

PORDENONE – Dopo essere partiti per il mondo, tornano nella terra d’origine per raccontare la propria esperienza attraverso l’arte, creando così nuove interazioni e linguaggi tra il Friuli Venezia Giulia e l’estero. Questo lo spunto da cui è partito Efasce-Ente Friulano Assistenza Sociale Culturale Emigranti per il progetto “La città diffusa” assieme ad Arianna Grosso, originaria di Casarsa della Delizia, che vive e lavora ad Abu Dhabi come cultural manager. Realizzato con il finanziamento di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli, Comune di Pordenone, Camera di Commercio di Pordenone-Udine e con la collaborazione del Liceo Artistico Galvani di Cordenons, e Fondazione Pordenonelegge, il progetto dopo la fase di elaborazione vede ora il suo clou con gli eventi aperti al pubblico. Al centro del programma la mostra “La città diffusa” che dall’8 marzo al 4 aprile  al Museo Civico d’Arte di Pordenone (messo a disposizione grazie alla collaborazione con l’Assessorato comunale alla cultura) vedrà in esposizione le opere di 7 artisti “Pordenonesi nel mondo” che hanno lasciato la regione per vivere e lavorare all’estero ma che ora vi tornano con le proprie creazioni. A essi si affiancheranno le opere degli studenti del Liceo Galvani. Esporranno Eugenio Belgrado (Vienna, artista visivo); Elisabetta Calabritto (Londra, Graphic designer e illustratrice); Alessandro Cipolat (Londra, Graphic motion designer); Martina Del Ben (Berlino, Urban & social designer); Antonio Massarutto (Cortona, Scultore e designer); Marco Monti (New York, post-production artist and professor); Luca Pascotto (Parigi, esperto di mobilità e fotografo).

Presentazione della mostra a cura di Arianna Grosso (Abu Dhabi, cultural manager). Curatela della mostra a cura delle professoresse Moira Piemonte, Sara Marzari e Edi Zanet insieme alla Segreteria Efasce con Michele Morassut.

“Abbiamo voluto dare vita a questo progetto – dichiara il presidente di Efasce Gino Gregoris – dopo aver ascoltato, dalla loro voce, le esperienze che i nostri corregionali stanno vivendo nel mondo. Una serie di saperi preziosi che abbiamo pensato fosse necessario riportare qui in Friuli Venezia Giulia, in modo che l’emigrazione non sia solamente uno spostamento di persone ma anche una circolazione e condivisione di idee. Questo progetto artistico punta rafforzare il legame dei nostri corregionali con i luoghi d’origine e a sensibilizzare chi vive in Friuli Venezia Giulia rispetto alle nuove forme di emigrazione, che interessano principalmente i giovani. Nuove connessioni, interazioni e linguaggi: una costellazione attiva che interagirà con Pordenone, i Comuni limitrofi e le città estere dove vivono i corregionali. Grazie ai partner istituzionali che hanno permesso non solo la mostra ma anche gli eventi collaterali, pensati per aggiungere ulteriori spunti di riflessione”. Due gli eventi collaterali, insieme a Fondazione Pordenonelegge: ieri 28 febbraio all’ex Convento di San Francesco di Pordenone “La città diffusa: Linguaggi e prospettive, nell’arte e nella vita” con Luca Taddio, professore associato all’Università degli studi di Udine, intervistato da Gian Mario Villalta; il 26 marzo alle ore 18 a Palazzo Badini di Pordenone “La città diffusa: Pordenone città futura”, in cui Gian Mario Villalta intervisterà Mattia Balsamini, fotografo e artista visivo ed Elena Biason, ingegnere civile e Climate Pact Ambassador alla Commissione Europea.(Inform)

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform