direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Domani all’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, Giornata delle porte aperte. Tour de Jazz nella “Lunga Notte di Consolati”. Così risuona l’Europa

CULTURA

 

AMBURGO – All’insegna dello slogan “La musica non conosce frontiere”, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo e gli altri Istituti di Cultura europei della Città anseatica parte del cluster EUNIC (Institut français, Instituto Cervantes, Istituto Italiano di Cultura e Goethe-Institut) organizzano da diversi anni  nell’ambito della „Lunga Notte dei Consolati“ il “Tour de Jazz” con musicisti internazionali.

Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia il Senato della Città Libera e Anseatica di Amburgo riprende quest’anno l’evento della “Settimana Europea” – che nel frattempo ha raggiunto la sua sedicesima edizione –, e con questo tra le varie manifestazioni proposte, non può mancare la „Lunga Notte die Consolati“, giunta alla sua ottava edizione: le Rappresentanze diplomatiche e consolari straniere e gli Istituti di Cultura europei che operano sul territorio aprono le loro porte e offrono  ai visitatori la possibiltà di conoscere e approfondire le attività da loro svolte. Un’occasione davvero unica, da non perdere!

La Giornata delle porte aperte avrà luogo domani 10 maggio 2022 a partire dalle ore 18 e fino alle ore 22. L’Istituto Italiano di Cultura insieme all’Institut français ha organizzato un interessante tour di jazz con due formazioni internazionali, che vanno da un Istituto all’altro. La serata inizia alle ore 18:30 all’Institut français con il concerto del Duo Pazzini (Clara Pazzini, voce e Leo Schmidthals, piano) e prosegue all’Istituto Italiano di Cultura, dove dalle ore 19:00 alle ore 19:30 e dalle ore 20:30 alle ore 21, si esibirà il Duo Zamuner-Moriconi (Emilia Zamuner, voce e Massimo Moriconi, contrabbasso e basso elettrico).

La partecipazione alla serata presso l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo è gratuita. Anche se le misure per il contenimento della pandemia nella città anseatica a partire dal 30 aprile scorso, sono state molto alleggerite, durante la permanenza in Istituto sarà necessario indossare una mascherina FFP2.

Il Duo Emilia Zamuner, cantante jazz e Massimo Moriconi bassista ha alle spalle una lunga carriera. Insieme hanno inciso due CD. Per il loro concerto ad Amburgo suoneranno brani da “Doppia vita” (Summertime – La gatta – Besame mucho – Caravan – The nearness of you – My funny Valentine – Senza fine – Così – Vengo anch’io – Donna ).

Emilia Zamuner, nata nel 1993, ha studiato jazz al conservatorio di Napoli conseguendo anche un master. Tra le sue numerose collaborazioni musicali, un particolare è certamente il duetto con Bobby McFerrin al festival “Armonie d’Arte” nel 2015, mentre un anno dopo si è classificata al 1° posto al Premio Internazionale “Massimo Urbani”, lo stesso anno ha aperto il concerto di Diana Krall all’Arena Flegrea di Napoli, dove la canadese l’ha definita “una voce meravigliosa”. Nel 2019, Emilia Zamuner è l’unica finalista italiana all’Ella Fitzgerald Singing Competition di Washington D. C., ottenendo il secondo posto in classifica. Emilia Zamuner si esibisce con vari musicisti in Italia e all’estero. Insegna canto jazz al Conservatorio di Potenza.

Massimo Moriconi, nato nel 1955, suona il basso dall’età di 16 anni. Fin dagli anni ’80 fa parte dell’orchestra italiana “Ritmi Leggeri RAI” di Roma. Finora ha inciso quasi 350 dischi. Tra le collaborazioni musicali più lunghe c’è quella con Mina: con lei ha prodotto ben 44 dischi. Massimo Moriconi ha collaborato spesso con Chet Baker, Lee Konitz, Phil Woods, Tal Farlow, Billy Cobham, Toots Thielemans, Brian Auger, Barney Kessell, Ralph Towner, Kenny Wheeler, Armando Trovajoli, Romano Mussolini, Lelio Luttazzi, Gianni Basso, Renato Sellani, Paolo Fresu, Massimo Urbani, Flavio Boltro, Fabrizio Bosso, Enrico Rava, e molti altri ancora.

Per un pre ascolto su youtube questo è il link da digitare: https://youtu.be/4dkDT7RX-kE

Il concerto  è organizzato in collaborazione con il Consiglio Italiano della Musica CIDIM e con EUNIC Amburgo.

La „Settimana Europea“ si svolge tradizionalmente la prima settimana di maggio, in omaggio alla proposta dell‘allora ministro degli esteri francese Robert Schuman che il 9 maggio 1950 guardava a un’Europa Unita come condizione sine qua non il mantenimento di rapporti di pace tra gli Stati Europei. Questa proposta fu denominata la „dichiarazione-Schuman“ che viene considerata il principio fondamentale dell’Unione Europea di oggi.

La „Lunga Notte dei Consolati“ , una delle varie manifestazioni della Settimana Europea, è organizzata dalla Cancelleria del Senato di Amburgo, in collaborazione con le varie istituzioni europei presenti sul territorio cittadino.

Oltre al concerto jazz all’Istituto Italiano di Cultura sarà possibile visitare la mostra „Archipelago, in cui sono esposte fotografie di Corinna Del Bianco, così come l’installazione “Vacanze intelligenti -Intelligente Ferien”  , da sperimentare attraverso una visione con occhiali per la realtà virtuale. Nella biblioteca dell’Istituto verranno proiettati dei cortometraggi sardi “Corti sardi” – una varietà di corti programmati nell’ambito della Rassegna #FocusSardegna.

Durante tutta la serata sará possibile richiedere e ricevere informazioni sull’attività dell’Istituto di Cultura: sono infatti previsti tavoli  con personale che fornirà informazioni su dove imparare l’italiano nel Nord della Germania e più precisamente nella circoscrizione di competenza dell’Istituto di Cultura. Dalla scuola materna alla scuola primaria, alle scuole secondarie e alle università. Dove i figli di genitori italiani possono partecipare alle lezioni nella lingua d’origine.

Oppure per i cittadini stranieri informazioni su come e dove possono imparare l’italiano online o piuttosto in Italia, mostrando loro le diverse offerte delle scuole di lingua esistenti.

Verranno anche fornite informazioni agli interessati sullo svolgimento degli esami di Certificazione di Italiano come Lingua Straniera (CILS) dell’Università per Stranieri di Siena con la quale l’Istituto Italiano di Cultura ha sottoscritto una convenzione che dura ormai da parecchi anni.

Ad allietare le bocche e gli stomaci dei visitatori sarà il Consolato Onoraio Italiano di Amburgo, che oltre a fornire informazioni sulla propria attività rivolta in particolar modo ai nostri connazionali, metterà a disposizione vini e specialità culinarie italiane, con un contributo di 5 €; il ricavato sarà devoluto all’Ucraina tramite un’organizzazione umanitaria. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform