direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Disciplina del cinema e dell’audiovisivo: la Commissione Esteri, in sede consultiva, rileva l’opportunità di valorizzare il ruolo della rete diplomatico-consolare e degli Istituti italiani di cultura

CAMERA DEI DEPUTATI

 

ROMA – La Commissione Esteri della Camera dei deputati ha espresso ieri parere favorevole, in sede consultiva, al disegno di legge sulla “disciplina del cinema e dell’audiovisivo”,  già approvato dal Senato.

Tra gli obiettivi del provvedimento, indicati dalla relatrice Eleonora Cimbro (Pd), quello che attiene alla sfera dell’internazionalizzazione del sistema produttivo italiano e della promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo, priorità di cui è investita in modo diretto la rete italiana all’estero. Da qui l’auspicio che esso dedichi attenzione e valorizzazione all’impegno che la rete estera nella sua interezza già svolge nella materia e che potrà essere adeguatamente rilanciato con un mirato coinvolgimento, anche sul piano dell’accesso ai nuovi strumenti finanziari, in particolare al Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e l’audiovisivo. Era presente il sottosegretario agli Esteri Benedetto della Vedova che si è associato alle considerazioni della relatrice.

La Commissione ha approvato la proposta di parere favorevole – che qui di seguito pubblichiamo – con un’osservazione della relatrice.

La III Commissione (Affari esteri e comunitari),

esaminato per le parti di competenza il progetto di legge C. 4080, approvato dal Senato, recante «Disciplina del cinema e dell’audiovisivo»;

espresso apprezzamento per i richiami, di cui all’articolo 1 del provvedimento, a fonti del diritto europeo ed internazionale, utili ad inquadrare la materia nel contesto di una politica europea ed internazionale fondata sulla cultura come presupposto del dialogo tra i popoli e in una strategia nazionale onnicomprensiva che, includendo a pieno titolo le opere cinematografiche e l’audiovisivo, contempla investimenti in cultura, in internazionalizzazione, nella promozione dei saperi, sul territorio italiano e all’estero;

atteso il ruolo del cinema e dell’audiovisivo anche rispetto alla promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo, oltre che del nostro sistema produttivo, di cui è investita in modo diretto la rete italiana all’estero;

apprezzata l’attenzione che il provvedimento manifesta, nel rispetto delle leggi nazionali e delle convenzioni internazionali sottoscritte dall’Italia, rispetto alle esigenze delle persone con disabilità, dei minori, delle minoranze linguistiche nell’obiettivo della promozione di una più ampia promozione del cinema e dell’audiovisivo;

apprezzata la nozione di respiro europeo che il provvedimento delinea circa la nazionalità italiana delle opere;

sottolineato il ruolo delicato che il MIBACT è chiamato ad esercitare, in raccordo con il MAECI e avvalendosi anche di segmenti della rete italiana all’estero, nello svolgimento di attività di rilievo esterno, quali la definizione della posizione italiana nei rapporti con le istituzioni dell’Unione europea e con le altre istituzioni internazionali nella materia, nonché ai fini dell’attuazione di accordi internazionali, oltre ad attività di indirizzo sui programmi di internazionalizzazione dell’industria cinematografica e audiovisiva e alla stessa promozione dell’immagine dell’Italia, anche a fini turistici;

preso atto del ruolo consultivo che l’istituendo Consiglio superiore del cinema e dell’audiovisivo è destinato ad esercitare nei confronti del MIBACT in merito ad accordi internazionali in materia di coproduzioni cinematografiche e di scambi nel settore, nonché in materia di rapporti con le istituzioni, anche sovranazionali;

valutato positivamente l’apparato di strumenti finanziari e fiscali di sostegno, che include contributi per enti pubblici e soggetti privati per il finanziamento di iniziative e manifestazioni finalizzate a promuovere, tra l’altro, l’internazionalizzazione del settore e sostenere la realizzazione di festival, rassegne e premi di rilevanza nazionale ed internazionale,

esprime parere favorevole con la seguente osservazione:

valuti la Commissione di merito l’opportunità di valorizzare in modo adeguato il ruolo della rete diplomatico-consolare e degli istituti italiani di cultura nella realizzazione delle finalità del provvedimento. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform