direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dino Nardi (Pd Zurigo) avverte Renzi: “di voti in cassaforte non ne esistono più”

INTERVENTI

 

ZURIGO – In un suo recente articolo, pubblicato nel Corriere della Sera, la giornalista Maria Teresa Meli osserva che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi per allargare i consensi del Pd sta conquistando il mondo del “Terzo settore” al quale, per la prima volta, vengono dati più soldi con la Legge di Stabilità 2015. Ottimo sicuramente quello che è stato fatto dal governo in proposito. Tuttavia è un peccato che, contemporaneamente, la stessa Legge di Stabilità abbia previsto, invece, un taglio al Fondo patronati di quasi il 40% che, se non corretto, comporterà certamente una riduzione drastica se non addirittura la chiusura di molte sedi di patronato.

E’ quanto scrive Dino Nardi, coordinatore UIM per l’Europa e consigliere CGIE, questa volta in veste di componente dell’Assemblea nazionale del PD.

E’ facile immaginare – prosegue Nardi – che le prime sedi a chiudere saranno proprio quelle dei patronati all’estero ubicate in aree geografiche con forte presenza di emigrazione sia di quella tradizionale che di quella nuova degli “expat”, come amano autodefinirsi i così detti cervelli in fuga. Ovvero, dopo la desertificazione della rete consolare italiana compiutasi in questo inizio secolo, gli ultimi presidi rimasti nel mondo per tutelare e difendere i diritti sociali e previdenziali dei nostri emigrati.

Pertanto va bene sostenere il Terzo settore ma non a spese di un altro settore – sicuramente non meno importante e meno utile per i cittadini italiani – come, appunto, quello dei patronati che, peraltro, vengono finanziati dai contributi degli stessi lavoratori e non dalla fiscalità generale. Anche perché acquisire i consensi da un lato ma perderne da un altro si rischia che il saldo sia poi negativo. Come quello, più in generale – conclude Nardi – , di cercare i voti nel centrodestra fregandosi, però, dei voti già acquisiti di centrosinistra che non sono certamente garantiti a prescindere perché di voti in cassaforte, caro Matteo, oggigiorno non esistono più! (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform