direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Danilo Vezzio:  Francia, celebrata a Lione la Festa della Liberazione

ITALIANI ALL’ESTERO

 

LIONE – “Sabato 27 aprile si sono svolte a Lione le cerimonie della Liberazione d’Italia, in presenza del Console Generale d’Italia, Chiara Petracca, del presidente del Comites Valentina Margiotta, del deputato francese con origini italiane Anne Brugnera e di tante altre personalità francesi ed italiane”. Inizia così la riflessione di Danilo Vezzio dell’Associazione Discendenti degli ex-combattenti italiani (DACI). “Questa festa nazionale italiana celebrata in Francia, – continua Vezzio – ci permette di rispolverare la Memoria ed evidenziare il ruolo che gli italiani hanno avuto nella ricerca della Libertà per l’Italia, ma anche per la Francia e più largamente per l’Europa! Abbiamo potuto rispondere ai quesiti, dubbi, domande del numeroso pubblico presente a questa cerimonia. Certo l’Italia era alleata della Germania, e l’Italia ha anche dichiarato la guerra alla Francia il 10 giugno 1940, nessuno lo ha dimenticato, ma allora non si deve neppure dimenticare che l’8 settembre 1943 l’Italia rompe il patto d’acciaio e chiude col nazi-fascismo, pagando a carissimo prezzo con massacri ed eccidi tremendi questa rottura”. Un accadimento storico, quello dell’8 settembre, che, per Vezzio, in Francia nessuno  ricorda, per cui gli italiani sono considerati come degli “opportunisti” che “si girano al primo soffio di vento”.  “La festa nazionale – prosegue Vezzio – ci permette di rammentare, che non tutti gli italiani erano fascisti e che lo abbiamo provato anche con l’insurrezione del 25 aprile 1945, l’Italia era allora occupata, non alleata dei nazi-fascisti, degli italiani partigiani hanno voluto combattere per acquistare la Libertà, ci hanno messo la faccia, le mani, il sangue delle vene, certo gli Alleati tra cui i francesi, hanno fatto buona parte della Liberazione dell’Italia ma degli italiani hanno completato l’opera. L’Italia è stata liberata anche dai nostri partigiani, tra l’altro come in Francia, rammentiamo che quest’anno, partigiani italiani sono entrati al Pantheon per aver dato la vita per la Liberté, la stessa Libertà dell’Italia, la nozione è universale. Per questo, prima della grande cerimonia consolare alla Casa degli Italiani, ci rechiamo presso la lapide dimenticata di Titta Cois, il partigiano italiano FTP-MOI ( Franchi Tiratori Partigiani- Mano d’Opera Immigrata) massacrato dai tedeschi a Lione, lui non è stato mai, ne’ traditore, né banderuola, ed ha pagato con la vita la nostra Liberté. Ecco perché – aggiunge Vezzio – a Lione la festa nazionale del 25 aprile è importante, possiamo spiegare il significato di questa data e rialzare la testa, ora possiamo, dobbiamo, dirlo e ripeterlo, gli italiani hanno lottato per la loro Libertà, non ci è stata interamente regalata. Alla cerimonia di Lione – conclude – abbiamo spiegato questa ‘Liberazione dell’Italia’ e dimostrato la necessità di mantenere viva la fiamma della memoria affinché la Libertà e la Fraternità prosperino”.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform