direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dalla Commissione Esteri parere favorevole al decreto ministeriale che individua per il 2020 le priorità tematiche per l’attribuzione di contributi a progetti di ricerca proposti dagli enti internazionalistici

CAMERA DEI DEPUTATI

ROMA – La Commissione Affari Esteri della Camera ha esaminato ed espresso parere favorevole lo schema di decreto ministeriale d’individuazione, per l’anno 2020, delle priorità tematiche per l’attribuzione di contributi a progetti di ricerca proposti dagli enti internazionalistici. Sottolineato che, a seguito dell’abrogazione della legge n. 948 del 1982 e dell’entrata in vigore della nuova disciplina, di cui all’articolo 23-bis nel decreto del Presidente della Repubblica n. 18 del 1967, il provvedimento in titolo disciplina in sede di seconda applicazione, in luogo del sistema dei contributi a bilancio, l’erogazione – a valere su un apposito stanziamento pari anche quest’anno a 778.000 euro – di contributi a singoli progetti di ricerca elaborati da enti pubblici o privati, associazioni, anche non riconosciute, o comitati impegnati da almeno tre anni continuativi nella formazione in campo internazionalistico o nella ricerca in materia di politica estera. La nuova disciplina, improntata a massima trasparenza, prevede che i contributi siano attribuiti a progetti di ricerca nell’ambito delle priorità tematiche fissate con decreto del Maeci entro il 31 gennaio di ogni anno; condivise le otto priorità tematiche indicate dal provvedimento, correlate alle grandi questioni dell’agenda internazionale e coerenti con le priorità di politica estera del nostro Paese. E’ stato espresso apprezzamento in particolare per la priorità concernente il rilancio del progetto europeo, incentrata sul progetto della conferenza sul futuro dell’Europa e su questioni tematiche di primaria importanza nell’economia dell’agenda italiana di politica estera, con specifico riferimento al Mediterraneo allargato e all’integrazione europea dei Balcani Occidentali. Con riferimento alla seconda priorità, ritenuto opportuno promuovere, in generale, una attenzione trasversale al tema dei diritti umani e alla tutela del pluralismo religioso e culturale quale presupposto di quello politico e, dunque, ritenuto auspicabile un inquadramento in chiave globale e non soltanto regionale della riflessione sulle persecuzioni delle minoranze religiose e di quella cristiana in particolare; nell’auspicio affinché sia assicurata una riflessione rigorosa sulla competizione in atto tra i grandi attori globali e sul relativo impatto rispetto al Mediterraneo allargato; valutata, infine, con specifico favore la priorità concernente le relazioni tra Italia e Africa, imperniata su una visione strategica che riconosce centralità al Sahel e alla regione del Corno d’Africa, è stato espresso parere favorevole. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform