direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Dal  6 al 16 maggio VIII edizione della Setemane de culture furlane – Settimana della cultura friulana: “L’emigrazione  virtuosa del primo  dopoguerra”

EVENTI

Promossa dalla Società filologica friulana, con il supporto della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Friuli. E la partecipazione dell’Ente Friuli nel Mondo

 

Ad Arba il 15 maggio una conferenza e una mostra

 

UDINE – Dal  6 al 16 maggio si terrà la VIII edizione della Setemane de culture furlane – Settimana della cultura friulana

La Settimana della cultura friulana,  è una “rassegna regionale che ragiona sulla storia, le tradizioni e l’identità della nostra terra”, evidenzia Federico Vicario, presidente della Società Filologica Friulana che dal 2014 promuove l’ iniziativa. Un’ottantina gli eventi in programma. Tra essi, il 15 maggio, una conferenza e una mostra dal titolo “L’emigrazione  virtuosa del primo  dopoguerra” . Appuntamento alle ore 16 ad Arba (Pordenone) presso l’Auditorium del Centro  sperimentale arti e mestieri “Carlo di Giulian” (Via Bruno Girolami, 4 ) . Si racconteranno l’origine della  Fondazione Carlo di Giulian,  l’incontro del fondatore con le personalità più  carismatiche del tempo (Tiziano Tessitori, Alfredo Berzanti, Chino Ermacora, Ottavio Valerio), l’importanza della scuola per il destino lavorativo degli emigranti. Partito da Arba, Carlo Di Giulian (1894-1953) si affermò nel mondo dei terrazzieri grazie alle sue capacità imprenditoriali e avviò una scuola di formazione professionale che generosamente donò al suo paese di origine.

Il presidente della Società Filologica Friulana spiega che “in questa edizione del 2021 abbiamo argomenti e momenti importanti di riflessione sul Friuli di ieri e di oggi, una riflessione che si misura ancora, purtroppo, con un contesto difficile, quello della pandemia. Ma – prosegue – noi confidiamo di confermare, con l’esperienza di mesi e mesi di lavoro e con l’aiuto di nuove forme di comunicazione in rete, il grande successo di partecipazione che i friulani, qui e nel mondo, ci hanno attribuito nell’edizione del 2020. Anche quest’anno, quindi, la maggior parte degli eventi e delle manifestazioni le terremo con il supporto dell’informatica e della tecnologia, con gli strumenti che permettono alla nostra voce, la voce del Friuli, di arrivare sempre più lontano. Grati siamo, per questo, anche all’Ente Friuli nel Mondo, sempre con noi, che mantiene salda la rete dei rapporti con le comunità friulane diffuse dappertutto”.

Dopo l’esperienza del 2020  si conferma, infatti, la partecipazione dell’Ente Friuli nel Mondo al fine di allargare la dimensione della “Settimana” a livello globale, raggiungendo i diversi Fogolârs furlans.

Vicario annuncia poi che “in questo 2021 ricordiamo personalità importanti per la nostra cultura, come Nicola Benois, Marcello D’Olivo, Gianni Cosetti, Antonio Feruglio, Dora Bassi, Giovanni Costantini, Giovanni Antonio Pilacorte, ma ci occupiamo anche di varietà friulane, dell’Academiuta di Casarsa e del giornale La Patrie dal Friûl, di musica e di pittura, di ferrovie e di carte antiche, di Chiesa e di costume popolare. Presentiamo pubblicazioni di interesse per adulti e bambini, filmati su collezioni del nostro territorio, spettacolo teatrali e musicali, legandoci anche, con la collaborazione degli amici della Fondazione de Claricini Dornpacher di Bottenicco, alla grande riflessione su Dante Alighieri in occasione dei 700 anni della morte. Tutto questo e altro ancora è la Settimana della cultura friulana del 2021” . Vicario ringrazia su tutti la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e la Fondazione Friuli, che, “come sempre, ci aiutano a rappresentare la vivacità della cultura friulana, una dimostrazione in più che le difficoltà che viviamo in questo momento non solo non ci fermano, ma che calamità e avversità ci rendono sempre più forti e determinati a valorizzare il nostro patrimonio e a difendere i valori della nostra comunità. In attesa di tornare, prima possibile, alla normalità”, conclude il presidente della Società Filologica Friulana. (Inform)

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform